Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Denunciato il titolare per gestione irregolare di rifiuti

Villa Literno, azienda zootecnica sequestrata dal Nas

Ed a Cellole sigilli, invece, a sito di stoccaggio abusivo

.

Villa Literno, azienda zootecnica sequestrata dal Nas
06/02/2013, 11:27

VILLA LITERNO - Prosegue senza sosta l’attività di controllo del territorio, da parte dei carabinieri del nucleo antisofisticazione di Caserta, ai fini della tutela dell’ambiente e della salute della collettività. A seguito di un blitz, scattato all’interno di un’azienda bufalina di Villa Literno, i militari hanno potuto accertare l’irregolare gestione dei rifiuti, costituiti principalmente da liquami ed eiezioni zootecniche. Rifiuti, è stato accertato, che venivano stoccati e smaltiti mediante ruscellamento nei terreni limitrofi e nel canale vena diretto al mare. La verifica portava anche al rinvenimento di una discarica abusiva, realizzata su di un’area, della superficie di circa 500 metri quadrati, che sorgeva proprio alle spalle dell’azienda bufalina. Qui venivano stoccati rifiuti speciali e non, quali ad esempio pneumatici, rottami ferrosi, detriti da demolizione e plastica. L’area è stata sottoposta a sequestro ed il gestore dell’azienda, T.G., 53enne di Villa Literno, è stato deferito all’autorità giudiziaria per i reati di gestione illecita di rifiuti e realizzazione di discarica abusiva. L’operazione scattata a Villa Literno segue, di qualche giorno, quella eseguita a Cellole, in località Quintola, dove, unitamente ai militari della locale stazione, il Noe ha deferito in stato di libertà un imprenditore di Maddaloni per il reato di gestione illecita di rifiuti nella fase di smaltimento e deposito. L’imprenditore, questa l’accusa, avrebbe gestito un sito di stoccaggio di rifiuti senza la prescritta autorizzazione, su di un fondo di circa tremila metri quadrati, costituiti prevalentemente da sversamenti provenienti da lavaggi di betoniere e da materiali edili di risulta. L’area è stata sottoposta a sequestro.

 

 

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©