Provincia / Caserta

Commenta Stampa

Villa Literno, Il Sindaco elogia l'operazione della Guardia di Finanza


Villa Literno, Il Sindaco elogia l'operazione della Guardia di Finanza
24/09/2012, 09:30

Il Sindaco e l'amministrazione comunale di Villa Literno esprimono compiacimento per l'operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta condotta sul territorio liternese. Ferma condanna per tali attività criminali, condotte da persone senza scrupoli che commettono reati e producono danni a vari livelli: ingannano i propri acquirenti, vendendo prodotti scadenti come se fossero di qualità; falsano il mercato, togliendo clienti ai commercianti locali che lavorano onestamente, oltre che alle grandi firme dell'abbigliamento; evadono il fisco, rubando quindi a tutti i cittadini, anche a chi non compra prodotti contraffatti.

"Ma la cosa più grave di tutte - dichiara il Sindaco Nicola Tamburrino - è che, creando un circuito di merci non tracciate, chi gestisce tali attività è costretto a disfarsi dei propri rifiuti in modo illecito: materiali di scarto, solventi, pellami e chissà cos'altro finiscono nelle nostre campagne e, come abbiamo potuto constatare, costituiscono il prodotto principale dei roghi tossici che hanno avvelenato la nostra aria per tutta l'estate quest'anno e nei precedenti".

Proprio in questi giorni è stata redatta una nota  su tali meccanismi criminali che sarà consegnata all'assessore regionale Giovanni Romano durante la conferenza dei sindaci dell'agro aversano per fronteggiare il fenomeno dei roghi, di cui Villa Literno fa parte. Proprio in relazione a tale emergenza, negli ultimi mesi il Comune di Villa Literno ha formato 20 Guardie Ambientali, che avranno il compito di pattugliare il territorio segnalando scarichi e roghi tossici, sotto il coordinamento del locale comando di Polizia Municipale, sopperendo così ad una atavica mancanza. 

"Nessuna tolleranza per tali attività criminali, nessun discorso assolutorio può essere accettato - conclude il Sindaco di Villa Literno - la crisi economica è solo un pretesto e non può diventare una giustificazione per compiere attività illecite che producono danno all'economia, all'ambiente e alla salute dei cittadini. Le regole vanno rispettate e rispettare la legge conviene a tutti"

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©