Provincia / Napoli

Commenta Stampa

Volla: Revoca Assessore Francesco Esposito


Volla: Revoca Assessore Francesco Esposito
14/10/2011, 10:10

Il Sindaco di Volla S. Ricci, con decreto sindacale n. 22 del 12/10/2011, ha revocato la delega relativa alle Politiche Sociali e Giovanili assegnata dal 2007 all'arch. Francesco Esposito.
Le motivazioni, si legge dalla nota, sono relative ad " una diversa visione del ruolo e delle mansioni dell'organo di governo del Comune...".
"E' chiaro" , risponde l'Assessore, "che il Sindaco ed io abbiamo una diversa visione dell'amministrare un territorio. Negli ultimi giorni ho protocollato una serie di note relative ad una serie di problematiche che affliggono il territorio e la cittadinanza, per cercare di smuovere l'oramai ferma e statica macchina comunale. E' assurdo, a mio avviso, che sul territorio il verde pubblico sia abbandonato a se stesso, che sia impossibile per un cittadino camminare su un marciapiedi libero in special modo se si è affetti da disabilità, che ad un mese dall'inizio della scuola ancora non sia partita la refezione scolastica, che non si organizzi la macchina comunale per servire al meglio i cittadini, che sul territorio esistano automobili abbandonate in sosta e nessuna prenda alcun provvedimento, che non ci si occupi dell'arredo urbano, che i commercianti debbano potarsi gli alberi per svolgere la loro attività pur pagando regolarmente le tasse, che non esista alcuna programmazione di governo del territorio. Di fronte a questo ed altro ancora sono ben onorato di non condividere la stessa visione politica anche perchè, il sottoscritto, ogni giorno si è sempre posto la domanda su come poter dare al Comune e non prendere.
Se il territorio me ne darà occasione, sarò sempre pronto a dare il mio modesto contributo per costruire una città più vivibile, un luogo migliore in cui vivere in prima persona e far vivere il prossimo.
Un ultimo ringraziamento infine agli assessori colleghi e consiglieri comunali che mi sono stati vicini in questi lunghi quattro anni, ai funzionari comunali ed ai dipendenti tutti che mi hanno permesso di lavorare, nel settore di cui ero responsabile, realizzando il programma politico che ci eravamo impegnati, con la cittadinanza, a realizzare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©