Roma / Cronaca

Commenta Stampa

A Frongia l’incarico di mediare con la benedizione di Grillo

Stadio Roma, altro incontro tra tattica e melina


Stadio Roma, altro incontro tra tattica e melina
25/11/2016, 14:23

Roma - 

"È stato un incontro positivo ma è stato solo uno degli incontri che abbiamo avviato con il Comune e ce ne saranno altri. Stiamo approfondendo il progetto con l'amministrazione comunale che lo sta conoscendo sempre di più, visto che era nato sotto la precedente. Stiamo valutando tutte le ipotesi e le possibilità di migliorarlo ma sempre nel rispetto del procedimento in corso, che è ovviamente il progetto in conferenza dei servizi". Queste le dichiarazioni, certamente non eclatanti, di Mauro Baldissoni, dg della AS Roma appena conclusa la riunione in Comune sullo stadio della Roma. Con lui il costruttore Luca Parnasi, e gli assessori ai Trasporti e all''Urbanistica, Linda Meleo, Paolo Berdini e il vicesindaco Daniele Frongia. Un altro passo in una complicata partita a poker politico urbanistico su un tavolo al quale siedono in tanti. In un quadro complesso e dalle mille anime. E dagli esiti imprevedibili. Il clima all’interno del Movimento Cinquestelle fibrilla e sul tema è scattato l’interesse della componente nazionale del Movimento. Sembra che Grillo, finora silente sullo Stadio della Roma, si sia mosso ed abbia dato semaforo verde e che l’incarico di portare a casa il progetto e trattare con pieni poteri al tavolo allargato sia stato dato al Vicesindaco Daniele Frongia, che oggi era presente all’incontro con la “controparte” calcistico immobiliare.Lo Stadio della Roma non equivale alle Olimpiadi e i Cinquestelle lo sanno bene. A Roma il tifo è religione e la Roma è un serbatoio di fede ma anche di voti. A cui non hanno fatto piacere le continue dichiarazioni pubbliche del neoassessore all’Urbanistica Paolo Berdini da sempre ostile al progetto, almeno così come è stato presentato. E a cui, sembra, sia stato chiesto di ridurre le sue esternazioni pubbliche e giocare più in squadra.Altri due penta stellati influenti a Roma e nel Governo della città, Marcello De Vito, Presidente dell’Assemblea Capitolina e Enrico Stefàno, presidente della Commissione Mobilità hanno fatto negli ultimi tempi un cauto endorsement a favore dello Stadio. Al tavolo del poker manca un giocatore molto atteso, la Sindaca Raggi che sul tema, dopo la campagna elettorale, non si è più fatta sentire. E si è tolta dalla prima linea della trattativa. Filtrano poche notizie certe, le squadre continuano e studiarsi con cautela. Hanno ancora 70 giorni prima della fine ufficiale dei lavori della Conferenza di servizi e prima o poi dovranno calare le carte.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©