Salute e benessere / Ricerca

Commenta Stampa

Nonni sempre più digital: 6 su 10 hanno uno smartphone


Nonni sempre più digital: 6 su 10 hanno uno smartphone
01/10/2019, 12:38

Addio allo stereotipo degli anziani in difficoltà con la tecnologia… gli over 65 sono molto più “smart” di quanto pensiamo. In occasione della Festa dei Nonni, che cade il 2 ottobre,  la piattaforma online  "Topdoctors" che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti di tutto il mondo, ha sondato abitudini e comportamenti degli “over” in materia di digitale.

 

Stando a quanto emerge dalla ricerca, ben 6 nonni su 10 possiedono uno smartphone: il 42% addirittura non può più farne a meno, mentre solo il 19%, nonostante abbia un telefono di ultima generazione, lo utilizza solo per chiamare o al massimo inviare messaggi. Resiste ancora un 39% con la cornetta del telefono fisso o al massimo con un telefono analogico.

 

Quali sono le piattaforme più apprezzate dalla terza età? È quasi pari merito tra WhatsApp (41%, forse perché comunicare per gli anziani è molto importante) e Facebook (38%): i nonni sembrano essere tra i fan più accaniti dei propri nipoti, 2 su 5 non manca di mettere like o commentare i post dei propri ragazzi.

Ma anche Youtube sta iniziando a conquistare una sua fetta di pubblico (18%), probabilmente grazie a tutorial e ricette. Instagram invece resta al palo: solo un misero 3% di nonni sembra essersi appassionato alla fotografia.

 

Quanto utilizzano internet gli “over” e per cosa lo fanno principalmente? Il 43% usa la connessione per restare in contatto con amici e parenti, soprattutto con i più giovani, che alle telefonate preferiscono WhatsApp e simili; mentre il 20% per fare ricerche e informarsi su argomenti di proprio interesse. Il 37% degli interpellati dichiara di navigare poco o per niente.

Si parla molto, infine, dell’impatto negativo che il progresso tecnologico ha avuto sulle relazioni interpersonali. Stando alla ricerca, però, a sorpresa, chi davvero ha vissuto l’era pre-internet non la pensa affatto così. Per il 64% degli anziani intervistati, infatti, la tecnologia può in qualche modo avere un impatto positivo sulle relazioni tra le persone: il 20% ne è assolutamente convinto, perché ci permette di restare in contatto anche se lontani; mentre il 44% è d’accordo in parte, perché purtroppo spesso le persone non ne fanno buon uso. Solo il 36%, rifacendosi al motto del “si stava meglio quando si stava peggio", è convinto che la tecnologia ci distragga e allontani.

 

Commenta Stampa
di Claudia Palermo
Riproduzione riservata ©