Salute e benessere / Ricerca

Commenta Stampa

Torna il consueto appuntamento in 3.000 piazze italiane

Sclerosi multipla, il 13 e 14 ottobre torna "Una mela per la vita"

L'iniziativa è promossa dall'Aism per sostenere la ricerca

Gianluca Zambrotta, Gabriele Greco e Massimiliano Rosolino testimonial della manifestazione
Gianluca Zambrotta, Gabriele Greco e Massimiliano Rosolino testimonial della manifestazione
11/10/2012, 08:40

Anche quest'anno, il 13 e 14 ottobre 2012, torna il consueto appuntamento con "Una mela per la vita", l'iniziativa promossa dall'Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) per sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla, una grave malattia cronica e invalidante che colpisce il sistema nervoso centrale, provocando più o meno gravi disturbi motori e cognitivi.

La causa di questa patologia, che danneggia la mielina (ovvero la guaina che riveste le cellule nervose e permette la trasmissione degli impulsi) fino a danneggiare anche le fibre e le cellule nervose, purtroppo, è ancora sconosciuta.

La patologia solitamente si manifesta tra i 15 e i 50 anni. I più colpiti, tuttavia, sono i giovani tra i 20 e i 30 anni, in particolar modo le donne, colpite dalla malattia in un rapporto di tre a uno rispetto agli uomini. Secondo i dati diffusi dall'AISM, ogni quattro ore, in Italia, una persona riceve una diagnosi di sclerosi multipla e le persone affette dalla malattia nel nostro Paese sono in totale circa 65mila.

Non conoscendo la reale causa della malattia, non è possibile neanche produrre farmaci che riescano a curarla. I farmaci e le terapie attualmente in uso permettono unicamente di ridurre gli effetti invalidanti della malattia o, quantomeno, di contenerli.

Per tale motivo è fondamentale sostenere la ricerca! Promossa dall'AISM, sotto l'Alto Ptronato del Presidente della Repubblica, l'iniziativa "Una mela per la vita" avrà luogo i prossimi 13 e 14 ottobre in 3.000 piazze italiane, dove sarà possibile sostenere la ricerca attraverso l'acquisto di un sacchetto di mele o una donazione libera.

Anche quest'anno i volontari dell'associazione saranno sostenuti dall'Associazione Nazionale Bersaglieri e dall'Associazione Nazionale Carabinieri, dai Vigili del Fuoco, Assofante e dai volontari della Protezione Civile.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©