Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CHI SCENDE E CHI SALE

21°giornata. La Spagna è ancora Mara-Villa!


21°giornata. La Spagna è ancora Mara-Villa!
03/07/2010, 23:07

La 21°giornata sancisce la rivalsa delle europee sulle sudamericane. Germania e Spagna tagliano fuori Argentina e Paraguay. Prova di forza tedesca, pronostico confermato per gli iberici. Le emozioni, ancora una volta, non si sono fatte attendere. A conclusione dei quarti di finale, dedichiamo i voti di giornata agli attaccanti. Due in salita e due in discesa. Rispecchiando quanto accaduto alle rispettive nazionali.

CHI SALE:
Miroslav Klose: Un vero cecchino. Quanto si trova la palla tra i piedi difficilmente grazia il portiere avversario. Lo fa una vola, nel primo tempo. Poi decide di non sbagliare più, e mette dentro le altre due occasioni che gli capitano. Una croce per la affannosa difesa argentina. Le reti sono quattro. Quattordici nella storia personale dei Mondiali. Il record di Ronaldo è a un passo, lo si sfiora con le dita. Ci sono ancora due partite da disputare…

David Villa: Nella giornata degli attaccanti europei, non poteva mancare all’appello. Ma lui è uno abituato a rispondere “presente” sempre. Lo ha fatto cinque volte in questi Campionati del Mondo. In ogni occasione la Nazione gli ha dovuto dire grazie per averla spinta un gradino più in su. Doppietta vincente contro l’Honduras; gol del vantaggio contro il Cile; gol vittoria contro il Portogallo; e rete decisiva contro il Paraguay. La Spagna è una vera Mera-Villa!

CHI SCENDE: Lionel Messi: Peggio delle altre volte. Peggio di sempre. La pulce avrà anche la febbre, ma ha perso la grinta. Non ci prova nemmeno. Non accelera, non verticalizza, non inquadra la porta. Zero in tutto. Anche nel tabellino dei Mondiali. Zero come i gol segnati. Non è da lui! Se la “Selecion” saluta il Sudafrica è anche perché non ha mai potuto contare sul suo idolo. Maradona aveva puntato tutto su di lui. E’ uscito nero. Les jeux sont faits.

Oscar Cardozo: Era stato l’eroe degli ottavi. Suo il rigore che aveva concesso al Paraguay di eliminare il Giappone e andare avanti. Forse anche per questo Martino ha deciso di affidargli la maglia da titolare. Purtroppo l’allenatore del sudamericano ha scoperto il senso del detto italiano “non è sempre domenica”. Cardozo rovina la festa ai suoi, sbagliando stavolta il tiro dal dischetto. I rimpianti verso Barrios e Santa Cruz saranno enormi.  

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©