Sport / Motorsport

Commenta Stampa

A Iaquinta e Nappi la prima prova del campionato italiano velocita' sperimentale sul circuito del sele di battipaglia


A Iaquinta e Nappi la prima prova del campionato italiano velocita' sperimentale sul circuito del sele di battipaglia
12/03/2012, 16:03

Il pilota calabrese su una Lola Dome E2 ed il napoletano sulla Ferrari 550 Maranello GT1 si aggiudicano rispettivamente la classifica Sport-Formula e la Turismo.

Sul Circuito del Sele di Battipaglia (SA) è partita domenica 11 marzo l'edizione 2012 del Campionato Italiano Velocità Sperimentale. Sui 1700 metri del tracciato auto dell'impianto di proprietà della famiglia Rinaldi si sono dati battaglia in una giornata caratterizzata dal forte vento alcuni tra i sicuri protagonisti di questa edizione del tricolore che si disputa esclusivamente sui mini impianti.
Tra le vetture a ruote scoperte è stato il giovane e promettente pilota calabrese Simone Iaquinta ad avere la meglio. Egregiamente supportato dalla Lola Dome – Honda preparata secondo il regolamento E2M dalla Dalmazia Motorsport, il rampollo di casa Iaquinta ha fin dalle qualificazioni fatto capire che non c’era possibilità alcuna di impensierirlo. In gara la musica non è cambiata e sia Enrico Maione che Luigi Vinaccia si sono dovuti arrendere. Il campione in carica della Divisione, Maione, alla guida della sua Osella PA21J-Honda ha confermato quanto di buono già si conosceva, lasciando indietro l’esperto Vinaccia (Osella PA21S-Honda) che le ha provate tutte per cercare di batterlo. Subito dietro le posizioni da podio il giovanissimo Michele Esposito chiude in quarta piazza. Con una guida arrembante e sempre al limite, Esposito ha dominato la scena tra le numerose Radical presenti, apponendo così il suo primo sigillo ad un’altra stagione che per lui si presenta, ne siamo sicuri, ricca di soddisfazioni. A chiudere i primi cinque della classifica assoluta è di nuovo Vinaccia, stavolta alla guida di una Radical SR4 – Suzuki come quella guidata da Michele Esposito, che come sempre non si è risparmiato, prendendo il via più volte nel corso della giornata.
Tra le turismo, la presenza di Piero Nappi e della sua Ferrari 550 Maranello chiudeva la porta alle aspettative dei suoi avversari. Così il napoletano ha fatto il vuoto dietro di sé, lasciando agli altri solo le briciole. Ottimo secondo assoluto chiude Domenico Cuomo, che sfrutta a meraviglia l’agilità e la potenza della sua 500 per issarla alle spalle di Nappi precedendo, dopo una breve lotta in pista, Silvestro Fusco, su una vettura analoga. Ai piedi del podio si sistema Gaetano Maresca che conferma la validità della Peugeot 106 16V in questo tipo di gare riuscendo a precedere nella classifica assoluta la certamente più potente, ma complicata, Porsche 911 Carrera di Teodoro Cotumaccio.

Abbinata alla gara di Campionato Italiano di Velocità sperimentale era il 5° Superchallenge, gara di Formula Challenge che ha visto Gaetano Maresca (Peugeot 106 16V) aggiudicarsi il 1° Raggruppamento, Raffaele Del Regno (Renault Clio) il 2° Raggruppamento e Raffaele Peduto il 3° (Peugeot 106 16V). Senza avversari Rocco Caivano (Citroen Saxo VTS) fa suo il 5° Raggruppamento, mentre Giuseppe Criscuolo si aggiudica sulla Fiat 126-Suzuki il 7°. Nel combattuto 9° Raggruppamento è Luigi Vinaccia (Osella PA21S-Honda) ad aggiudicarsi la prova disputata sul circuito karting del tracciato salernitano, precedendo Michele Esposito (Radical SR4-Suzuki) e Fabio Emanuele che ha preso sempre più confidenza nel corso della giornata con la Radical SR4 – Suzuki messagli a disposizione dall’Autosport Sorrento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©