Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ad Atripalda premiati i campioni Fmi della Campania


Ad Atripalda premiati i campioni Fmi della Campania
22/02/2010, 14:02

La cittadina di Atripalda ha ospitato e premiato i campioni campani del motociclismo del 2009. Ad organizzare i riconoscimenti è stato il Moto Club Irpino, presieduto dal neoeletto Massimo Passaro: “E’ – spiega – un grande onore poter riunire il meglio del motociclismo regionale. La Campania, nonostante le difficoltà, negli ultimi anni è sempre più protagonista del mondo delle due ruote, non solo nel panorama nazionale, ma anche internazionale. Questo premia l’impegno degli uomini del comitato regionale”. Soddisfazione nelle parole di Antonino Schisano, il presidente del comitato regionale Fmi: “Siamo – afferma – tra le regioni più attive per quanto riguarda la promozione di sport come il Cross e l’Enduro. Nella velocità la nostra punta di diamante è Raffaele De Rosa, il primo napoletano nella storia ad arrivare più in alto nell’olimpo mondiale. I 144 club affiliati rappresentano una risorsa importante, un patrimonio che cercheremo di tutelare con tutti gli strumenti che la federazione mette a disposizione”. Ottimismo anche nelle parole di Massimo Gambini, il vice-presidente: “Finalmente – dice – possiamo dire d’essere attivi in tutte le discipline motociclistiche. La nostra regione soffre della mancanza di piste di velocità di una certa lunghezza, ma sono in arrivo interessanti novità in merito per gli amanti delle pieghe sicure. Continuerà la sinergia con le regioni meridionali nei settori del Cross, della Supermoto e dell’Enduro. Nelle Minimoto è in atto una collaborazione tra i titolari degli impianti per rendere economicamente meno impegnativa la pratica, in funzione di un rilancio dell’agonismo. Nel turismo, la recente premiazione dei campioni nazionali a Salerno, testimonia il buon lavoro dei mototuristi campani”. Nell’Enduro protagonista assoluto è stato Tommaso Consales, del Moto Club Pianeta Moto: “Aver vinto – dice – tutte le prove in programma ripaga i sacrifici fatti. Spero di continuare la scia positiva anche quest’anno, e raccogliere punti pesanti nel campionato italiano”.

Nel Cross c’è la supremazia della famiglia Cerbone: il papà Tony, e il figlio Luca sono gli atleti da battere nel 2010: “E’ divertente – svela Tony – essere seguiti da un figlio che non solo ne capisce, ma si permette di rimproverarti se sbagli. Sono contento che Luca abbia la mia passione, e che si diverta con me nei fine settimana”. Nella Supermoto il volto che sorride è quello di Enzo Gnerre, portacolori del Moto Club Motorsannio: “Ottavo – sottolinea – ed ultimo titolo in carriera. Quello passato è stato l’ultimo anno da pilota. Continuerò, invece, ad occuparmi degli aspetti organizzativi legati alle gare, per rilanciare una disciplina spettacolare e adrenalinica come poche”. Il Moto Club Pistoni Inossidabili è quello che più ha vinto nel Mototurismo: “Il 2009 – dice il presidente Bruno Vincenzo – per il club è un anno da ricordare, perché i nostri tesserati hanno fatto incetta di titoli sia a livello regionale, sia nazionale. La Campania non ha bisogno di presentazioni per la bellezza, la storia ed il fascino che la caratterizzano da sempre. Dico solo che scoprirla in moto è semplicemente incredibile”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©