Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Ad Avellino i Moto Club si riuniscono


Ad Avellino i Moto Club si riuniscono
15/01/2011, 10:01

Tempo di programmazione per i Moto Club dell’Irpinia. Presso la sede del Coni provinciale tutti i club della provincia d’Avellino, si sono riuniti per conoscere e far conoscere le proprie iniziative per il 2011. L’assemblea convocata dal “vulcanico” Vincenzo Tomasetti, che ricordiamo è il delegato per le province di Avellino e Benevento del Coni e organo del comitato regionale campano della Fmi, è stata anche motivo di conoscenza di alcuni strumenti che la Fmi mette a disposizione dei moto club per accompagnarli nella loro attività, primi fra tutti la figura del Consulente Organizzativo Territoriale, dell’Esaminatore Nazionale del Registro Storico, e dell’Addetto Stampa. Tomasetti ha ribadito l’importanza del rapporto con il territorio: “I Club – dice il consigliere Fmi – devono valorizzare le risorse locali ed essere sempre di più complementari fra loro. Il comitato regionale non farà mancare il suo appoggio nelle loro attività, per far sì che il moto club sia davvero la casa del motociclista, dove si respira la stessa passione, da vivere trecentosessantacinque giorni l’anno”. La moto d’epoca è un settore che negli ultimi anni ha avuto un vero e proprio boom d’interesse, e l’esaminatore Giovanni Di Iorio ha spiegato come espletare alcune pratiche burocratiche: “Spesso – spiega Giovanni – il legame che unisce il motociclista con la propria moto è un sentimento che dura tutta una vita. Sono a disposizione di coloro che vogliono iscrivere la propria amata nel registro storico, per seguirli in questo percorso. Spero che le associazioni locali valorizzino il concetto del Mototurismo attraverso la scoperta delle bellezze artistiche e paesaggistiche di cui l’Irpinia è ricca”. Alfredo Di Costanzo, che ricopre il ruolo di Consulente Organizzativo Territoriale e di Addetto Stampa in Campania della Fmi, ha posto l’accento sull’importanza della comunicazione e sulla natura di associazioni sportive dilettantistiche: “Il rapporto – spiega Di Costanzo – con i mass media è fondamentale per il successo di qualsiasi attività che vede coinvolto il moto club con il mondo esterno. Il comitato regionale campano mette al servizio degli stessi un servizio gratuito che li permette di entrare in contatto con le più importanti testate ed emittenti non solo locali, ma anche nazionali. Inoltre a fare da collante tra i club e la federazione c’è il Cot, figura nata con lo scopo di rimuovere gli ostacoli sul loro cammino”. Non ha voluto far mancare il proprio appoggio Giovanni Saviano, il presidente del Coni Avellino: “Siamo – afferma – tutti degli sportivi. Il Coni non è sordo alle richieste dei centauri, e mi piacerebbe che si creasse una collaborazione tra i moto club e le associazioni che si occupano di altri sport, per creare quella sinergia sportiva che unisce e non divide”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©