Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Ag. Cavani: "Sapevo che avrebbe segnato il rigore"


Ag. Cavani: 'Sapevo che avrebbe segnato il rigore'
26/01/2012, 13:01

A Radio Crc è intervenuto Claudio Anellucci, procuratore di Cavani: “51 gol con la maglia del Napoli è tanta roba però la cosa importante è che la squadra azzurra ieri abbia vinto. Ora c’è un confronto importante col Siena, confronto abbordabile. Ieri il Napoli ha fatto una bella impresa, anche per il Siena andare avanti è importante, ma sarebbe stato peggio affrontare formazioni più blasonate come il Milan o l’Inter. Non avevo il minimo dubbio che Cavani al San Paolo segnasse quel rigore. Ieri allo stadio si è respirato un clima meraviglioso, ora bisogna andare avanti settimana per settimana e vincere una coppa importante come la Coppa Italia. Il futuro di Cavani? Se dovessero arrivare delle offerte il Napoli le valuterà ma non mi piace parlare di mercato. Mi piace parlare della vittoria di ieri. La cosa che risalta è che contro l’Inter al 93’ st, dopo che tutta la squadra ha speso molto, non ha perso la determinazione ed ha portato a termine un’azione fantastica. A cena chiacchieravo con amici e riflettevo sul fatto che il Manchester City è uscito sia dalla Champions League che dalla Carling Cup, invece il Napoli è in corsa per la Champions e per la Coppa Italia. Se il Manchester non vincesse lo scudetto tutti i soldi investiti sarebbero stati sciupati. Questo dimostra che i soldi non sempre aiutano a vincere. Le squadre si fanno anche con altre cose come la testa dei ragazzi, l’unità del gruppo, non solo con i soldi. Ieri al di là dei due gol, un plauso a Gargano che ha fatto una partita eccezionale. La voglia di mordere il pallone è una cosa bellissima da
vedere. Tutti i giocatori vogliono vincere qualcosa. L’anno scorso il Napoli ha
vinto molte partire negli ultimi minuti, forse anche con un po’ di fortuna. Quest’anno invece questo non accade ma anche a causa di episodi
sfortunati. Credo che il campionato sia ancora lungo e le squadre che stanno ai vertici non è detto che ci rimangano perché sicuramente avranno dei cali. La preparazione del Napoli è forte, quindi la squadra oggi si sta
riprendendo da un periodo di appannamento. Non mi stupirei se il Napoli facesse una rimonta in campionato. Quest’anno Cavani ha segnato 19 gol, l’anno scorso 33 in totale. Chi si ferma è perduto, quindi l’importante è andare avanti e Cavani guarda sempre avanti. Cirigliano è un giovane di prospettiva, è un centrocampista con qualità eccezionali. È un giocatore che ha già fatto un campionato col River Plate che in Argentina è una istituzione. Maradona parla benissimo di questo ragazzo. Al momento il calciatore è sul mercato. Cirigliano ha due doti importanti, recupera palloni e crea. È un regista ed è un mix tra Ledesma e Gargano. Cirigliano è l’erede indiscusso di Mascherano. Il ragazzo è venuto in Italia per il passaporto comunitario che a breve prenderà. È facile andare a prendere un giocatore che costa tantissimo, ma le società devono puntare su giovani di prospettiva che crescano con la squadra e che diventino campioni”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©