Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Albertini: Neve? Anticipare inizio del campionato


Albertini: Neve? Anticipare inizio del campionato
01/02/2012, 14:02

Cominciare il campionato a inizio agosto per evitare il piu' possibile le notturne invernali in impianti vecchi, pericolosi per i giocatori e scomodi per i tifosi. E' la proposta avanzata da Demetrio Albertini, vicepresidente della Figc, in una giornata che vede gia' tre partite rinviate per neve e gelo. ''E' ora di cambiare qualcosa - ha detto all'ANSA l'ex azzurro - e bisogna avere il coraggio di farlo. Quasi tutti gli stadi in Italia sono ormai vecchi, inadatti a garantire una accoglienza decente per giocatori e pubblico in condizioni climatiche avverse. In attesa che vengano sostituiti, e ci vorranno anni, una soluzione praticabile e' cominciare il campionato in agosto e magari ampliare la pausa invernale, per evitare il periodo piu' freddo''. ''Una notturna estiva - sottolinea - e' sicuramente piu' praticabile e piacevole che non una invernale, basta vedere come sono seguite le amichevoli agostane''. Albertini ha aggiunto che una partita giocata su un pantano o un campo gelato non e' piu' uno spettacolo e aumenta in maniera esponenziale il rischio di infortunio per i giocatori, tutelare i quali dovrebbe essere interesse precipuo delle societa'. ''Ci vuole rispetto per i calciatori e per i tifosi, anche quelli che in tv vedono una partita brutta perche' giocata su un campo infame - ha sottolineato -. C'e' chi dice che all'estero e' diverso, ma non e' vero. C'e' chi dice che certe situazioni climatiche non si possono prevedere e rispondo che l'inverno al Centro-Nord difficilmente e' mite. Questa situazione si puo' cambiare, senza creare divisioni ma arrivando a condivisioni nelle scelte, con vantaggi per tutti''. ''Gia' adesso, ad esempio, nella pausa invernale, molte squadre fanno trasferte al caldo. Una sosta piu' lunga permetterebbe di giocare d'inverno quelle amichevoli che si perderebbero ad agosto'', conclude il vicepresidente della Federcalcio. (ANSA).

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©