Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Alla On The Road parte lo Spring Break Harley-Davidson


Alla On The Road parte lo Spring Break Harley-Davidson
14/03/2012, 22:03

Parte questa sera alla On The Road lo Spring Break Harley-Davidson 2012. Il dealer di Viale Umberto Maddalena, sarà il centro fino al 24 marzo d’incontri, spettacoli, demo ride e concerti. Ad illustrare il programma partenopeo della casa di Milwaukee è Ines Borrelli: “L’Harley-Davidson – spiega la titolare della On The Road – ha preso spunto dall’usanza americana di concedere agli studenti un periodo di vacanza all’inizio della primavera. Così in Italia vivremo nove giorni di festa, con i bicilindrici americani a fare da padroni di casa. Noi inizieremo con l’evento la Febbre del Giovedì Sera, che sarà una rivisitazione musicale e di costume degli anni 70. Tra un happy hour ed un altro, sabato 17 ci sarà l’Open Door Officina, dove ci sarà una spiegazione da parte dei nostri tecnici su cosa fare per la manutenzione post-inverno e spiegheranno le modalità dei tagliandi. Giovedì 22 è previsto il Cooking Test for Women, una gara culinaria con premiazione finale. Sabato 24 dopo l’aperitivo ci sarà la Zingarata On The Road, che chiuderà ufficialmente lo Spring Break. Chi avrà voglia, poi, potrà provare le ultime nate, la Sportster 72 e la Softail Slim. Insomma harleysti o meno, i motociclisti e le centaure avranno tanti spunti per trascorrere con noi delle ore spensierate”. Borrelli, appena ha qualche ritaglio di tempo libero, sale in sella alla sua moto, rigorosamente Made in U.S.A., e si lascia cullare dalle curve delle strade che per la toponomastica hanno tanti nomi, ma per la mente si chiamano divertimento: “Da – racconta Ines – dieci anni a questa parte, ogni stagione cambio la moto. Il 2012 è l’anno della Ultra Classic Limited. Mi piace l’idea di essere in viaggio, e mi piace ricordare mete raggiunte come l’Etna o l’Austria. Viaggiare in moto è un'esperienza fantastica, ma farlo in Harley amplifica ancora di più le emozioni che l’itinerario regala”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©