Sport / Tennis

Commenta Stampa

Alla Tennislife Cup internazionale Atp al Green Park di Posillipo


Alla Tennislife Cup internazionale Atp al Green Park di Posillipo
29/09/2011, 11:09

L'azzurro Giannessi incanta e vola nei quarti di finale. Domani (giovedì) in campo Volandri contro il serbo Pashanski Vola Alessandro Giannessi, anche alla Tennislife Cup - Trofeo Kimbo, il challenger Atp del Green Park Posillipo, valido per le classifiche mondiali Atp. E' lui l'azzurro del momento che a Posillipo raggiunge i quarti di finale battendo l'altro italiano Marco Crugnola, 3-6 6-3 6-1, inanellando la settima vittoria su otto incontri in due settimane. Giannessi, dopo i quarti di finale nell'Atp Tour di Bucarest, la scorsa settimana, è adesso nei quarti a Napoli, dove punta alla vittoria finale e ad avvicinare la soglia dei primi 100 del mondo: oggi è numero 157. Venerdì troverà il croato Antonio Veic nei quarti, che ha battuto l'austriaco Haider Maurer, favorito numero 3 del torneo, 6-3 4-6 7-6.

"E' stata una battaglia con Crugnola - ha spiegato Alessandro Giannessi a fine gara - ma nel terzo set sono riuscito a giocare il mio miglior tennis proprio quando ne avevo bisogno e mentre lui calava di intensità. Non ho mai giocato contro Veic, non lo conosco ma lo affronterò come fosse il match più importante della mia vita".

Esce di scena l'azzurro SImone Vagnozzi, battuto al secondo turno dal numero 2 del torneo, l'argentino Berlocq, 6-3 6-2.

Domani (giovedì) giornata dedicata ancora ai tennisti italiani. Nei quattro incontri di secondo turno in programma scenderanno in campo ben tre azzurri: Filippo Volandri, ormai beniamino del pubblico napoletano, dopo il ritiro di Potito Starace, giocherà contro il serbo Pashanski mentre il siciliano Gianluca Naso proverà a battere il portoghese Gil, vincitore alla Tennislife Cup nel 2009; infine, Walter Trusendi tenterà il colpo contro il tedesco Beck. Sempre domani si giocheranno i quarti del torneo di doppio dove sono in gara, a sorpresa ma meritatamente, i napoletani Massimo Boscatto e Antonio Di Gaetano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©