Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

La giornalista Presello dal Friuli a Settimana Azzurra

"All'Udinese manca la cattiveria"


.

'All'Udinese manca la cattiveria'
06/02/2010, 15:02

NAPOLI - "All’Udinese manca la cattiveria – racconta la collega da Udine Mariella Presello nel corso di Settimana Azzurra in onda questa sera sulla Julie ore 21.25 – E’ un momento difficile, non vince da sette partite e ha bisogno di ritrovare morale. Il problema? In primis è una questione psicologica, c’era anche un problema fisico ma con l’arrivo di De Biasi pare risolto, o almeno in aprte, di testa però non ci sono proprio, non c’è voglia e non si finalizza sotto porta. Anche in difesa si subiscono troppi gol”.
Chiara, quindi, la situazione in cui si trovano i prossimi avversari degli azzurri e il Napoli deve fare attenzione proprio ad una eventuale nuova carica dei friulani. Anche perchè sulla carta la squadra c’è, la rosa è competitiva e puntava molto più in alto: “Forse manca l’abitdine a lottare per la zona bassa della classifica - sottlinea la collega - Ci sono giocatori che non stanno rendendo come un tempo. D’Agostino è in crescita, ma non è quello che tutte le società volevano. Forse anche le voci di mercato lo avevano distratto, ora che tutto si è concluso e lui è rimasto a Udine si spera possa giocare sereno. Ci si aggrappa a Di Natale che ha fatto moltissimi gol ma non è brillante”.
Cosa si teme di più del Napoli?: “La forma fisica e il gioco. La squadra di Mazzarri mostra un buon gioco ed è da temere. Credo che possa realmente lotatre per la Champions League e i risultati lo dimostrano”.
Domani che Udinese bisogna aspettarsi?: “Si spera una squadra con più grinta e carattere, ci saranno tanti ex e alcuni giocatori sono rimasti nel cuore di udine come De Sanctis e Quagliarella. L’attaccante non è stato molto in Friuli, ma ha lasciato il sengo. Si è ambientato subito ed è stato voluto bene”.
De Biasi dovrebbe scegliere il 4-3-3 e il rientro di Asmoah fa ben sperare.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©