Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE "REPUBBLICA"

Altro che bidoni: la riscossa viene dai nuovi!


Altro che bidoni: la riscossa viene dai nuovi!
28/02/2012, 11:02

L’altra faccia della svolta, meno appariscente delle prodezze del Pocho e dell’imbattibilità difensiva (470’ di campionato senza subire gol), che stanno cambiando volto alla stagione del Napoli. Ma un peso specifico importante, se non altrettanto decisivo, lo sta avendo pure l’attesa riscossa di alcuni dei nuovi acquisti, che sembrano aver concluso il loro lungo periodo d’apprendistato in maglia azzurra. C’è voluta un bel po’ di pazienza, che solamente Mazzarri e il ds Bigon avevano messo nel conto fin dall’inizio, considerandola fisiologica. Qualche dubbio cominciava invece a farsi largo nella mente di Aurelio De Laurentiis, attento peraltro a prendere le distanze dalla bocciatura totale del mercato estivo. «È presto per dare dei giudizi definitivi, aspettiamo almeno fino a primavera», s’era mantenuto cauto il presidente, facendo sfoggio di diplomazia nei periodi più bui. Saggia idea: Inler, Dzemaili e Britos, almeno loro tre, non erano oggetti misteriosi. E nemmeno Rosati, che a Firenze si è fatto trovare pronto. I rinforzi più costosi sono fuori dal tunnel. Il Napoli, che aveva investito su di loro poco più di 40 milioni complessivi, può tirare adesso un sospiro di sollievo. La vittoria di domenica sera con l’Inter ha rivelato al pubblico del San Paolo le qualità di Blerim Dzemaili, partito per la Svizzera con il morale alle stelle. Come il connazionale Inler, che sta riconquistando la stima dei tifosi azzurri e domani sfiderà in amichevole Messi con l’ambizione di batterlo. «Non gli chiederò la maglia, penso solo a vincere». Il regista ritrovato, esaurita la parentesi in Nazionale, si candida per un ruolo di protagonista anche a Parma. Dove, per la squalifica di Aronica, tornerà titolare pure Britos. Dal suo gol con il Chievo è iniziata la riscossa. Altro che bidoni.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©