Sport / Vari

Commenta Stampa

Aniene 1^Classe vince la 58.ma Regata dei Tre Golfi


Aniene 1^Classe vince la 58.ma Regata dei Tre Golfi
14/05/2012, 12:05

Il Tp52 del Circolo Canottieri Aniene si aggiudica la Coppa Gustavo d’Andrea dopo 170 miglia sempre al comando. Marche, Liguria e Lombardia dominano sino al quinto posto

Napoli, 13 maggio 2012 – Un trionfo ineccepibile quello di Aniene 1°Classe, il TP52 del circolo Canottieri Aniene di Roma, con al timone Matteo Aglietti, nella Regata dei Tre Golfi organizzata dal Circolo del Remo e della Vela Italia. La veloce imbarcazioni ha tagliato il traguardo alle 2.56 nella notte tra sabato e domenica aggiudicandosi la Coppa Gustavo d’Andrea assegnata al primo arrivato in tempo reale.

Alle sue spalle, con tre ore e 15 minuti di ritardo, ha concluso la prova Altair (06.07) del Club Vela Portocivitanova dell’armatore Sandro Paniccia, mentre Frà Diavolo (08.11), con lo skipper napoletano Paolo Scutellaro, ha chiuso con il terzo tempo. Solo sesta la prima barca napoletana, Aleph (10.28), dell’armatore Giorgio Ruffo, con il guidone del CRV Italia.



Aniene 1^Classe, dell’armatore Giorgio Martin, ha impiegato 26 ore e 52 minuti per coprire le 170 miglia del percorso coprendo i golfi di Napoli, Salerno (Punta Licosa) e Gaeta (Ventotene) prima di tagliare il traguardo a Napoli (Castel dell’Ovo), il veloce 52 piedi ha dimostrato tutta la sua valenza conducendo al comando la regata dall’inizio alla fine, avvalorando così il titolo di Campione italiano assoluto d’Altura conquistato a Trieste nel 2011. Le scelte tattiche di Matteo Aglietti hanno consentito all’equipaggio anche di conquistare punti preziosi per il Campionato Italiano Offshore, del quale la Tre Golfi rappresenta una delle tappe che assegnano la vittoria finale, e per il Trofeo d’Altura del Mediterraneo.



“E’ stata una regata molto tecnica dove ogni singola situazione è stata affrontata dal gruppo in maniera perfetta – ha dichiarato soddisfatto lo skipper Matteo Aglietti - I cambi di vele, secondo le necessità tecniche, sono state la chiave vincente grazie al l’equipaggio che non si è mai risparmiato nelle 26 ore di regata”



Da segnalare che dopo ben sette anni la Tre Golfi torna a disputarsi con la formula piena, ovvero con l’intero percorso delle 170 miglia, grazie a condizioni meteo marine ideali per affrontare il trasferimento della flotta lungo il percorso.

Solo dopo l’arrivo del resto della flotta, previsto in serata, invece sarà possibile assegnare i trofei Coppa Senatore Andrea Matarazzo, Coppa Mariano Verusio e il Trofeo Vela d’Ora che saranno assegnate dopo le compensazioni che serviranno a stilare le classifiche delle diverse classi e raggruppamenti.



Per il secondo anno consecutivo la Regata dei Tre Golfi è vinta da un’imbarcazioni non campana. Dopo la vittoria in reale dello scorso anno della milanese Argo, quest’anno tocca ai laziali del Aniene 1^Classe conquistate la vittoria, ma questa volta la caduta dall’Olimpo dei primi posti è particolare per i colori campani poiché per trovare una barca nostrana bisogna scorrere la classifica sino al sesto posto dove si trova Aleph, dell’armatore Giorgio Ruffo, con il guidone del Circolo “Italia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©