Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Anteprima Renault Sport F1 del Gran Premio di Germania


Anteprima Renault Sport F1 del Gran Premio di Germania
08/07/2013, 15:11

Il circuito di Nürburgring è un tracciato a media velocità con valori medi attorno ai 190 km/h. I quattro lunghi rettilinei richiedono una buona potenza ai massimi regimi e lavoreremo duramente alla selezione dei rapporti più alti, dato che la settima marcia verrà ingranata quattro volte ad ogni giro, un utilizzo più alto della media. L’alta velocità, tuttavia, è bilanciata da un mix di curve a bassa velocità, come la curva 1 e la chicane, dove le monoposto viaggiano a una velocità compresa tra 75 e 95 km/h. Pertanto, il motore deve essere gestibile ai bassi regimi, ma deve anche offrire reattività e potenza.Un fattore particolarmente importante da considerare è l’elevata altitudine del tracciato. La pista, situata tra le montagne Eifel, ha un’altitudine media di circa 700 m, di poco inferiore a quella del circuito di Interlagos. Con una quantità di ossigeno nell’aria inferiore e una pressione atmosferica più bassa, i motori sono leggermente meno potenti che a livello del mare. Il vantaggio, tuttavia, è che sono sottoposti a minori sollecitazioni, quindi tenderemo a utilizzare motori alla loro terza gara.Le condizioni del tracciato di Nürnburgring possono cambiare molto nel corso del weekend. Nonostante venga utilizzato di frequente durante l’anno per altre gare motociclistiche, il fatto che il campionato di Formula 1 si tenga una volta ogni due anni comporta un’aderenza molto bassa all’inizio. Di conseguenza, le mappature del motore saranno meno aggressive all’inizio della manifestazione, per consentire al pilota di intervenire più delicatamente sull’acceleratore, e si faranno via via più aggressive con l’aumentare dell’aderenza.

Statistiche del circuito di Nürburgring

 

Lunghezza

(km)

Velocità media

(km/h)

Velocità massima

(km/h)

% di giro alla massima accelerazione

Consumo di carburante per giro (kg)

Consumo carburante

(l/100 km)

5,148

193

298

53

2,45

69

 Circuito di Nürburgring: tre curve in dettaglio

 

 Curva Castrol-S

 

Dopo il lungo tratto che separa la linea di partenza/arrivo e la prima curva, la Castrol-S, i piloti frenano energicamente e scalano in seconda per affrontare la curva a gomito. In questo punto del tracciato il motore viaggia a regimi molto bassi: solo 9.500 giri/min, i più bassi del circuito, prima di puntare dritto alla Mercedes-Arena, una sequenza da seconda-terza marcia percorsa a una velocità media di circa 100 km/h. In questa porzione del tracciato, il motore deve garantire un buon controllo in frenata all’entrata in curva e una buona trazione in uscita.

 

Curve 8 e 9

Dopo il tornantino della curva 7, percorso in seconda a soli 10.500 giri/min, il pilota accelera bruscamente verso la curva 8. Con un breve rettilineo prima della curva, il pilota non ha il tempo di raggiungere la massima velocità, ma spingerà al massimo sul pedale dell’acceleratore poco prima di affrontare la curva in sesta a 250 km/h. Le sollecitazioni a cui vengono sottoposte le vetture rimangono elevate anche a velocità relativamente basse; il pilota in questo punto del tracciato raggiunge un’accelerazione laterale di 3.5 G. Di conseguenza, anche i componenti e i liquidi all’interno del motore devono contrastare l’aumento di accelerazione laterale.

 

Curve 13 e 14 (chicane NGK)

In termini di tempo, il settore tre è la sezione più breve del tracciato: 24 secondi sono in genere sufficienti per percorrerlo. In effetti, solo la chicane e la rapida curva a destra che immette sul rettilineo dei box interrompono la fase costante di accelerazione. La chicane è la curva più lenta del settore tre e uno dei rallentamenti più insidiosi del circuito. I piloti si avvicinano a una velocità di oltre 300 km/h con il DRS attivato e scalano in seconda a soli 90 km/h per affrontare la curva. Danno un solo colpo di gas tra i cordoli per poi accelerare di nuovo fino alla curva finale. La strumentazione rileva questo rallentamento molto chiaramente, registrando un brusco calo da 18.000 a poco più di 10.000 giri/min.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©