Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Antonio Scognamiglio pronto per la gara di Casaluce


Antonio Scognamiglio pronto per la gara di Casaluce
22/03/2011, 14:03

La stagione 2011 della Motogp è finalmente iniziata, e tra poco inizierà anche la stagione di chi sogna d’essere un domani un pilota impegnato nel campionato organizzato dalla Dorna. Questo fine settimana sulla pista di Casaluce, in provincia di Caserta, ci sarà la prima delle sette prove del Campionato Italiano Minimoto. Nella categoria Sav, la ex esordienti, tra i favoriti alla vittoria c’è il napoletano Antonio Scognamiglio. Il pilota del Moto Club Napoli, nonostante avesse solo otto anni, è conosciuto dagli addetti ai lavori che vivono all’ombra del Vesuvio come una delle più promettenti giovani promesse della velocità: “In famiglia – racconta Scognamiglio – si respira aria di motori tutti i giorni, perché mio padre Roberto gestisce una pista di minimoto nel quartiere Ponticelli dove abito. A tre anni già ero a smanettare in pista, e oggi guida una minimoto Grc che mi è stata messa a disposizione dal manager Antonio Gambardi di Milano. I ricambi, invece, sono gestiti dalla Cs Racing, sempre di Milano”. In casa Scognamiglio vige la regola che per tentare di andare forte in moto, bisogna prima aver svolto i compiti scolastici: “Frequento – dice Antonio – con molto piacere il terzo anno della scuola elementare. Una volta chiuso il discorso compiti, indosso casco e tuta, ed entro in pista per allenarmi. Quello di Casaluce è un tracciato che mi piace, ed in passato vi ho sempre fatto delle belle gare. Domenica sarà importante essere concentrati per non commettere errori. Sono carico e non vedo l’ora che si spenga il semaforo rosso. Quest’anno disputerò anche le prove del campionato regionale, sempre della categoria Sav. Gli obiettivi sono maturare tanta esperienza, ed essere in lotta per la vittoria. Tutti i miei coetanei che gareggiano, desiderano la stessa cosa, ossia correre un domani nella Motogp. La strada, poi, per arrivarci è molto difficile. Questo però non mi spaventa, anzi mi spinge a dare sempre il massimo per migliorarmi”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©