Sport / Calcio

Commenta Stampa

Antonio Squillante preannuncia il suo contributo personale per la causa dell’Us Angri 1927


Antonio Squillante preannuncia il suo contributo personale per la causa dell’Us Angri 1927
11/07/2011, 11:07

"Cari Tifosi, cari Angresi, ovviamente anche io, come molti altri esponenti politici della nostra città, sono legato alle sorti della nostra Squadra di Calcio, e quindi non farò mancare il mio sostegno che ovviamente non potrà essere inferiore a quello del primo cittadino.

Già in un’altra occasione, ho sostenuto i colori della nostra squadra con un personale contributo, ma come penso dovrebbe essere nello stile chi contribuisce ad una causa in cui crede, chiesi di mantenere la notizia riservata.

Oggi, vista la drammaticità della situazione, immagino che la sovraesposizione mediatica di questi atti di generosità servano a stimolare quante più persone, e pertanto anche in questo modo intendo dare il mio contributo.

Colgo, inoltre, l’occasione per scusarmi del ritardo con il quale mi sono fatto vivo; purtroppo per circa una settimana, impegni istituzionali mi hanno portato fuori dal continente europeo e non sono riuscito a seguire le dinamiche della nostra città; né alcuno dei miei giovani colleghi di partito ha avuto la sensibilità di avvisarmi di questa particolare situazione che si era creata, eppure so che spesso e volentieri gravitano in ritrovi sportivi o bar e quindi certamente avranno avuto contezza della gravità della cosa.

Ma, probabilmente, come spesso accade anche nei Consigli Comunali, hanno ritenuto che fosse meglio tacere.

Infine, mi preme fare un ultima riflessione, questa volta legata alla mia attività di consulente d’imprese.

Sicuramente, ciò che tutti gli Angresi stanno facendo per la Nostra squadra è una cosa straordinaria, ma a mio avviso non basta.

Se non riuscirà ad organizzare un proprio “ciclo produttivo”, se non riuscirà a “produrre” almeno in parte un utile di impresa, difficilmente l’U.S. Angri 1927 riuscirà a superare il particolare momento di crisi che stanno vivendo molte imprese, e pertanto non troverà molti imprenditori disponibili a corrispondere le ulteriori somme necessarie per le spese del campionato.

Di conseguenza, a mio avviso, è necessario individuare altre forme di finanziamento rispetto alla classica ricerca di contributi; una di queste, alquanto ambiziosa, ma allo stesso tempo fortemente affascinante, potrebbe essere una sorta di azionariato popolare, attraverso il quale per davvero la U.S. Angri potrà diventare patrimonio degli angresi.".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©