Sport / Vari

Commenta Stampa

Arcobaleno dello Sport, festa per duemila al Collana


.

Arcobaleno dello Sport, festa per duemila al Collana
07/06/2011, 15:06

“Lo sport come mezzo per costruire la pace tra le nazioni e dare ai giovani un messaggio di integrazione: il Coni Napoli sarà sempre in prima linea per aiutare gli immigrati ad inserirsi in una società che troppo spesso dimentica i valori della solidarietà e dell’amicizia”. Lo ha detto Amedeo Salerno, presidente del Coni Napoli, aprendo questa mattina al Collana l’Arcobaleno dello Sport, festa multietnica riservata ai figli degli immigrati di età compresa tra i dieci e i quindici anni, che si sono esibiti, insieme ai ragazzi napoletani, in attività ludico-sportive.

“Sul terreno di gioco – ha proseguito Salerno - sono scesi duemila giovani provenienti da sessanta nazioni di tutto il mondo: ad ognuno il Coni ha donato una maglietta con il logo della manifestazione, un cappellino col nome del paese di origine e una medaglia ricordo. Un ringraziamento speciale va alle trentasei tra associazioni e scuole partenopee che hanno aderito all’evento e ai trecento volontari che hanno allestito il campo di gioco”.

I partecipanti si sono esibiti in quindici discipline sportive, con loro il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che ha aperto la manifestazione, giocato a tennistavolo col vicepresidente del Coni partenopeo, Sergio Roncelli, e si è confrontato a subbuteo con Massimo Bolognino, quattordici volte campione del mondo della specialità. Poi l’ennesimo bagno di folla, questa volta in pedana con bambini, tecnici e genitori, e un ultimo momento ludico alla postazione del tiro con l’arco: “Al Collana ho messo piede per la prima volta nel 1975, a otto anni – ha ricordato il primo cittadino – E’ bellissimo il messaggio di pace e solidarietà che parte dal Coni, lo sport ha un valore fondante per una società civile e democratica e in questo modo Napoli si conferma città multietnica e solidale”. Visitando la struttura vomerese, De Magistris ha evidenziato il suo impegno personale per migliorare l’impiantistica sportiva: “Sport significa crescita delle persone, momenti di aggregazione, salvaguardia della salute e medicina preventiva: lavoreremo con il nuovo assessore e con il Coni affinché le risorse vadano verso le politiche giovanili e sociali. La priorità – ha concluso - è far funzionare al meglio gli impianti già presenti sul territorio”.

Alla manifestazione sono intervenuti, tra gli altri, anche Luciano Schifone, consigliere regionale con delega allo Sport, Andrea De Martino, Prefetto di Napoli, Margherita Dini Ciacci, numero uno di Unicef Campania e Raimondo Bottiglieri, coordinatore Ufficio Provinciale Educazione Fisica e Sportiva.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©