Sport / Calcio

Commenta Stampa

ASD Puteolana 1909, bene l'ultimo test amichevole


ASD Puteolana 1909, bene l'ultimo test amichevole
05/09/2013, 16:27

POZZUOLI - Termina con una vittoria per 2 – 0 l'ultimo impegno amichevole della Puteolana 1909, che mercoledì pomeriggio ha avuto la meglio al Vezzuto – Marasco dei padroni di casa del Monte di Procida per 2 – 0. Entrambe le reti sono arrivate nella ripresa a firma del classe '94, Sergio Nicolella, al rientro dopo 9 mesi dell'infortunio e di Biagio Caccavale. La prima rete è stata un'autentica prodezza balistica del biondo trequartista puteolano che da 25 metri ha controllato e infilato la palla sotto l'incrocio dei pali. La rete dell'esperto Caccavale, invece è arrivata a conclusione di un magistrale contropiede portato avanti da Giacomo D'Alterio.  Da sottolineare come i granata siano scesi in campo nel primo tempo con ben 5 '96, e 2 '94. Tra i '96 in campo da sottolineare la prova di Antonio Della Monica e Luigi Di Costanzo che non hanno fatto sentire la mancanza dei più esperti Tizzano e Gritti. Un buon test per gli uomini di mister Gustavo Solimeo in vista del primo impegno stagionale domenica pomeriggio contro il Cellole (San Marco Trotti per la denominazione ufficiale) in quel di Sessa Aurunca. Intanto si va completando la rosa granata, hanno apposto le loro firme sulle liste ieri anche il regista di centrocampo Carlo Minauda, il terzino sinistro Marco Del Giudice, il jolly difensivo Riccardo Ceci ed il centrocampista Francesco Caccavale, questi ultimi due già in granata la scorsa stagione. Sul mercato fa il punto il direttore sportivo Giuseppe Panico «Con le ultime firme stiamo delineando gruppo che andrà ad affrontare il campionato. A breve confermeremo altri giocatori che da tempo si allenano con noi che assieme ai ritorni di gente come Giovanni Luongo, Giovanni Gritti e Giacomo D'Alterio ci aiuteranno a formare una rosa valida per giocarci la salvezza in Eccellenza. Nelle prossime ore inoltre dovremmo anche ufficializzare l'arrivo di un nuovo attaccante».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©