Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Quell'amore che non convince

Aurelio & Mino: colpo di fulmine con sorpresa?

Dopo El Kaddouri al Napoli, ecco a cosa punta Raiola

Aurelio & Mino: colpo di fulmine con sorpresa?
25/08/2012, 11:53

Colpo di fulmine o colpo di genio? Dietro Omar El Kaddouri, 22 anni ed una brillante carriera in ascesa, c'è il più potente procuratore della serie A: Mino Raiola. Un uomo che controlla quasi il 20% dei cartellini dei giocatori di massima serie, che sposta pezzi da novanta in mezza Europa e che, fino a ieri pomeriggio, aveva un rapporto di pieno conflitto con Aurelio De Laurentiis. I motivi erano tutti legati al gioiello azzurro, Marek Hamsik, di cui Raiola è procuratore e che in tempi non sospetti ha provato a convincerlo ad abbandonare il Vesuvio per andare a guadagnare (e fargli guadagnare) di più altrove. Un'intrusione che DeLa non ha mai sopportato, disprezzando il nuovo Moggi del calcio (così soprannominiamo Raiola) anche pubblicamente. 

L'AMORE - Poi accade l'impensabile. I due rivali che si sposano. E si stimano, addirittura. Raiola in pochi minuti volta definitivamente le spalle  al passato e stringe la mano a De Laurentiis regalandogli uno dei talenti più puri presenti in circolazione e di sicuro avvenire. Colpo di fulmine? La cosa non convince chi mastica di mercato. Come non convincono le parole al miele espresse dal patron azzurro nella notte ai microfoni di Sky. "Raiola è un grande professionista. Con lui ho sempre avuto un ottimo rapporto", ha detto DeLa. Una sviolinata fuori programma e sensa senso. O forse no?

COLPO DI GENIO - Il fatto è che Mino Raiola con questo passaggio di El Kaddouri al Napoli non solo ha fatto un piacere a De Laurentiis assicurandogli una sicura plusvalenza nei prossimi anni. Ma ha fatto molto di più. Ha fregato sul tempo una concorrenza chiamata Milan, società con cui Raiola ha molti affari in ballo e si è mal salutato pochi mesi fa dopo l'addio di Zlatan Ibrahimovic (anche lo svedese è nella scuderia del procuratore partenopeo). Perchè una scelta del genere? E come mai proprio alla società e alla squadra di cui è andato in giro a parlar male negli ultimi due anni, anche dopo le voci di un possibile appordo di Balotelli (altro giocatore del suo gruppo, a cui sconsigliò vivamente il trasferimento in maglia azzurra)?. Cosa ritorna di fatto nelle tasche del santone del calciomercato? Probabilmente una promessa, quella di lasciar definitivamente libero il prossimo anno Marek Hamsik. Da qui il messaggio lanciato dall'agente stamattina: "El Kaddouri
 è arrivato in una grande piazza, facendo bene potrebbe liberare qualche altro affare ma non sono discorsi da fare al momento". Leggere tra le righe non è difficile, come non è difficile capire che quello tra Aurelio e Mino è un matrimonio di puro interesse.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©