Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Bagni: "Osvaldo l'erede di Cavani"

Albion non convince

Bagni: 'Osvaldo l'erede di Cavani'
16/07/2013, 14:42

Tra obiettivi sfumati e trattative a fari spenti, acquisti già perfezionati e altri in via di definizione, il mercato del Napoli vive giorni decisivi per mettere a disposizione di Benitez una rosa completa almeno al 90% entro la fine del ritiro di Dimaro. Del rebus-attaccante e dei possibili tasselli per completare reparto arretrato e mediano NapoliSoccer.net ha discusso con Salvatore Bagni, osservatore di mercato ed ex guerriero azzurro, sempre disponibile a raccogliere le nostre domande.

 

Cominciamo da quello che sembra l’acquisto più vicino ad essere ufficializzato, ovvero Raúl Albiol, 27enne difensore del Real Madrid e della nazionale spagnola che, in realtà, negli ultimi anni non è stato impiegato con grande continuità. Il suo arrivo a Napoli risponde anche alla necessità di inserire in organico un elemento di duttilità ed esperienza internazionale? “Credo di sì, ma onestamente ho sempre considerato il Napoli potenzialmente una delle prime dieci squadre in Europa: Albiol è semplicemente un buon giocatore, ce n’erano di migliori. Poi, gli spagnoli nel nostro campionato non è che abbiano fatto sfaceli, anzi. Penso che fino a qualche mese fa la società avesse altri obiettivi, ma è giusto che con l’arrivo di Benitez sia quest’ultimo a dettare le indicazioni.”

 

È possibile immaginare due acquisti in difesa, ovvero Raúl Albiol e un altro centrale proveniente dal nostro campionato come Astori e Ranocchia?
“Certamente, credo che la strategia del Napoli sia proprio questa, anche se sarà comunque difficile migliorare le prestazioni di un reparto che con Mazzarri era collaudato e ben oliato. Penso principalmente alla perdita di Campagnaro, straordinario calciatore che aveva le caratteristiche fisiche, tattiche e tecniche per adattarsi alla perfezione anche al nuovo modulo a quattro.”

 

Con De Sanctis alla Roma, la porta del Napoli è stata affidata a due estremi difensori carioca: Julio Cesar e Rafael. Giusto puntare su una coppia composta da un portiere esperto e l’altro giovane? Non c’è il rischio che Rafael possa perdere convinzione, visto che al Santos aveva già maturato tante presenze e vittorie prestigiose? “Non credo, Rafael è arrivato in italia consapevole del proprio destino: un anno di ambientamento alle spalle di un grande portiere come Julio Cesar e poi il posto da titolare sarà suo.”

 

Con Behrami titolare indiscutibile, i primi allenamenti agli ordini di Benitez in questo scorcio di ritiro suggeriscono già delle considerazioni: al momento, Inler è l’altro mediano mentre Dzemaili pare destinato al ruolo di vice-Hamsik: oltre alla trattativa – già di per sé difficile – per Golagons, servirà un ulteriore acquisto a centrocampo? “Intanto Golagons resta al Lione. Per quanto riguarda Inler, nonostante le due stagioni non eccezionali disputate a Napoli, l’ho sempre ritenuto un grande centrocampista. Certamente l’impiego di Gokhan al fianco di Behrami comporta una sostanziale variante tattica in mezzo al campo, con una linea mediana non più solo fisica, ma anche tecnica. Con Valon e un altro mediano con le caratteristiche di Golagons, invece, l’idea dell’allenatore azzurro era quella di comporre una coppia più fisica che tecnica davanti alla difesa. Sono due soluzioni differenti, vedremo cosa succederà nei prossimi giorni.”

 

Cavani appartiene ormai al passato, Mario Gomez si è accasato a Firenze, Dzeko al momento è incedibile e Higuain sembra inarrivabile: viste le perplessità che accompagnano l’acquisto di Leandro Damião, giovane brasiliano che arriva per la prima volta in Europa dal Brasilerao, è auspicabile l’arrivo di una punta di prima fascia già presente nel nostro campionato? Le faccio un nome su tutti: Pablo Osvaldo… “Beh, Osvaldo è sicuramente superiore a Damião: grande forza fisica, movimento, tecnica, carattere e con caratteristiche simili a quelle di Cavani. Non so, però, quanto sia percorribile questa soluzione, leggo che potrebbe volare presto a Londra. Ho la sensazione che il Napoli si sia mosso troppo tardi sul mercato: se aveva il sentore che Cavani sarebbe andato via, doveva muoversi prima e non temere di non riuscire a vendere il proprio asso. La Fiorentina non ha aspettato di vendere Jovetic per bloccare con largo anticipo Rossi e Gomez. Ora il Napoli dovrà limitare le proprie scelte a ciò che offre il mercato – conclude Salvatore Bagni a NapoliSoccer.net – e non sarà facile trovare giocatori di qualità che possano reggere le pressioni che ti mette addosso una piazza di grande livello come quella di Napoli.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©