Sport / Basket

Commenta Stampa

Basket Femminile, serie A1: GMA-Del Bo, in cerca di conferme contro Faenza


Basket Femminile, serie A1: GMA-Del Bo, in cerca di conferme contro Faenza
10/12/2011, 11:12

Domani, ore 18, al PalaCoppola di Monte Procida le flegree alla ricerca del secondo successo consecutivo

Coach Palumbo: “Mi aspetto di bissare le prove offerte contro Taranto e Alcamo”

Somatizzata la “grana” PalaErrico, la GMA – Del Bo si proietta a domani, quando alle ore 18 presso il PalaCoppola di Monte di Procida, affronterà la Roberta di Faenza di coach Massimo Solaroli.

Quello tra le campane e le faentine è un deja vu in virtù della doppia sfida di Coppa Italia tenutasi lo scorso mese di ottobre. In quell’occasione la spuntò Pozzuoli grazie all’ottima prestazione difensiva ed a una Kelly Mazzante mortifera dalla linea dei tre punti; le flegree vinsero con 10 punti di scarto, riuscendo poi a gestire la gara di ritorno, subendo una sconfitta indolore sul parquet del PalaMokador di Faenza.

Da allora le due formazioni hanno disputato un campionato speculare che ora le vede appaiate in classifica a quota 8 punti. La GMA – Del Bo è alla ricerca della necessaria continuità per effettuare il “salto di qualità” auspicato la scorsa estate. Faenza, dal canto suo, si affida alla verve ed alla classe di Marija Eric vera e propria trascinatrice del team di coach Solaroli.

Dopo la grande prestazione offerta contro Taranto e la prima vittoria esterna ottenuta sul parquet di Alcamo, coach Fulvio Palumbo è in attesa di conferme da parte delle sue atlete: “La squadra sta crescendo – esordisce il tecnico puteolano – il match contro Faenza è denso di insidie, mi aspetto dei segnali importanti da tutte le ragazze. Sarò ripetitivo ma la parola d’ordine è continuità”.

La GMA – Del Bo ha dimostrato, sino a questo momento di poter affrontare qualsiasi compagine ma, al contempo, è stata a volte vittima di alcuni passaggi a vuoto: “E’ un fattore che ad inizio stagione avevamo preventivato – prosegue Palumbo – quando cambi otto atlete rispetto alla precedente annata, i meccanismi necessitano di un po’ di tempo per essere definitivamente oleati. La squadra sta lavorando duro durante tutta la settimana, con maggiore concentrazione riusciremo a raccogliere quanto seminato in questi primi 90 giorni di lavoro”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©