Sport / Vari

Commenta Stampa

BASKET: FORTITUDO BOLOGNA IN RITIRO A FOLGARIA


BASKET: FORTITUDO BOLOGNA IN RITIRO A FOLGARIA
27/08/2008, 09:08

L’estate sta finendo, ma non ancora sull’Altipiano di Folgaria. Dopo i Nomadi e Bobby Solo, ancora capaci di entusiasmare piazza Marconi come ai tempi d’oro, dopo il successo della Kaiserjäger Marathon e i Suoni delle Dolomiti, i 1500 ragazzini che per cinque settimane hanno partecipato al rigoglioso Basket Camp di Renato Caroli, dopo il raduno della nazionale serba di metà luglio, da ieri sera è sbarcata in Folgaria una delle squadre, e delle società, più nobili della pallacanestro italiana: la Fortitudo Bologna di Gilberto Sacrati, sponsorizzata Upim e allenata di nuovo dal professore di Belgrado, Dragan Sakota, cinquantaseienne head coach della ex Jugoslavia con passaporto ellenico e un’esperienza ultradecennale su tutti i parquet di Grecia. E non finisce qui: dal primo settembre la Lottomatica Roma, vicecampione d’Italia, sarà ospite di Folgaria per un paio di settimane.

La Fortitudo ha fissato il suo quartier generale presso il Golf Hotel, ambito quattro stelle di Costa di Folgaria che sorge ai piedi del green della buca 1 del Golf Club Folgaria o, se preferite, ad uno swing dal tee di partenza della buca 2, in un paesaggio unico di prati e boschi verdissimi. Primo allenamento alle dieci e mezza di mattina al campo La Pineta, a un tiro di schioppo dal centro, dove ai primi di agosto ha sgobbato e sudato il Venezia Calcio. Corsa e ginnastica, poi un salto in palestra per gli esercizi atletici e il potenziamento fisico. Pranzo all’una in punto, dieta equilibrata, una lunga pennichella pomeridiana in vista della seduta vera e propria con il pallone nel palasport di Folgaria dalle diciotto alle venti e trenta. Un goccio di vino a cena è permesso, ma gli americani – si sa – preferiscono la Coca Cola al Teroldego o al Marzemino.

Per ora sono in dieci giocatori con la nobile aquila fortitudina sul cuore che hanno iniziato la preparazione sull’Altipiano trentino di Folgaria, Lavarone e Luserna e ai quali si uniranno da venerdì gli acquisti dell’ultima ora: il playmaker Jamont Gordon e il centro Earl Barron. Salteranno invece il raduno (sino a giovedì 4 settembre) gli azzurri dell’Upim, Stefano Mancinelli e Alessandro Cittadini impegnati con la nazionale azzurra di Carletto Recalcati che nelle prime due partite di qualificazione agli Europei 2008 non ha sinora fatto di sicuro una gran bella figura riuscendo a soccombere in casa (a Cagliari) con la Serbia, e passi, ma a perdere persino con i non certo irresistibili giganti magiari non più tardi di ventiquattro ore fa. E pensare che qualcuno si è in questi giorni indignato per il fatto che l’Italia non abbia partecipato alle Olimpiadi di Pechino…

Marcelo Huertas, per i paolisti semplicemente Marcelinho, farà così prima la conoscenza dei canederli trentini che dei famosi tortellini bolognesi. E Joseph Forte, guardia d’enorme talento con un passato stellare (Boston Celtic – Seattle Supersonics), avrà modo di spiegare al dolcissimo playmaker brasiliano con passaporto italiano i segreti del nostro basket e la forza del Montepaschi con il quale due anni fa ha vinto lo scudetto. Davide Lamma, cuore e orgoglio del florido vivaio fortitudino, è il capitano della nuova Upim che molto si è rinnovata con gli arrivi di Qyntel Woods, ala piccola di grande qualità che con Earl Barron ha già giocato insieme a Miami nel 2005 con gli Heat nella squadra Nba di Shaquille O’Neal, e di Uros Slokar, due metri e dieci sloveno (ex Benetton) che si è legato per due anni alla Upim. Da Napoli è sbarcato anche Matteo Malaventura, mentre Filip Sepa, promettente diciottenne della nazionale under 18 serba, farà parte della rosa della prima squadra bolognese per tutto il ritiro precampionato con la speranza d’essere riconfermato per la stagione 2008-2009. Del gruppo in raduno a Folgaria, per ora dieci elementi in tutto, fanno parte pure Jacopo Borra, Gabriele Fin e Gianandrea Fratini della formazione juniores fortitudina.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©