Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA ANTONELLI

"Benatia è da Napoli, ma non a gennaio"


'Benatia è da Napoli, ma non a gennaio'
27/10/2011, 13:10

A Radio Crc è intervenuto Stefano Antonelli, consulente di mercato dell’Udinese: “Ieri sera ho visto non una bella partita, poiché c’era in campo un Napoli non brillante come me lo ricordavo, ma forse un po’ teso. Ha sbloccato il risultato con un gran gol di Lavezzi, dovuto anche ad una nostra disattenzione. Certo, presentarsi al San Paolo senza Di Natale, Isla e Domizzi non è stato facile, ma questo non vuole essere un alibi. Noi abbiamo giocato a viso aperto e il Napoli ha vinto meritatamente, pur non brillando in più De Sanctis ha fatto due parate importantissime, la prima su Floro Flores e la seconda su Asamoah. La partita credo l’abbia trovata e sbloccata Lavezzi che spingeva molto su Ferronetti. Il Napoli aveva bisogno di questa vittoria. Dossena ha fatto una bella partita, Lavezzi ha spinto a destra con grande continuità. Nel primo tempo le occasioni sono capitate, ma non ho visto quella partita che spesso Napoli e Udinese ci hanno fatto vedere. Non ho notato in questa partita degli episodi degni di essere ricordati. Cavani per evitare la marcatura partiva spesso dal centrocampo, ad un certo punto l’ho visto difendere sulla linea con Cannavaro. Ho visto un Cavani che non trova il gol, ma che ha un’intelligenza straordinaria. Ieri non c’è stato il tempo per parlare con il Napoli di Benatia. Ieri non c’era mercato, c’era una partita da disputare. È normale che un calciatore come Benatia possa interessare al Napoli poichè è una squadra importante. In più Benatia è un ottimo calciatore, è un calciatore da Napoli, ma anche di altre squadre. A giugno si può parlare di tutto, ma non a gennaio perché l’Udinese ha l’obiettivo di migliorarsi e per farlo non dovrà mandare via nessuno. A giugno giocatori importanti come Benatia e altri saranno certamente oggetto di discussione e probabilmente uno come lui nel Napoli ci starebbe più che bene”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©