Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il calciomercato azzurro legato al tecnico spagnolo

Benitez chiede Montoya,Blind e Fernando -video


.

Benitez chiede Montoya,Blind e Fernando -video
13/11/2013, 10:33

NAPOLI - La società azzura vedrà di accontentare le richieste del tecnico spagnolo. Don Rafè (come lo chiamano i tifosi), viste le emergenze, chiede un elemento con doti difensive in grado di giocare su entrambe le fasce, cioè una valida alternativa a Maggio,Zuniga e Amero poichè il rientro di Mesto è previsto ad aprile. Il nome fatto è qullo di Montoya, giocatore prospettico e che potrebbe diventare l'erede di Zuniga alla luce di un probabile addio del colombiano in estate. Lo stesso tecnico ha chiedo anchq Blind dell'Arsenal. Altre idee ma non di Benitez sono di matrice italiana e per questo più complicate. Si tratta di D'Ambrosio del Torino e di Antonelli del Genoa.
Il centrocampo risulta essere un'altra priorità per lo spagnolo. Benitez ha fatto il nome di Fernando del Porto, seguito da mezza europa. In alternativa vi sono altri profili che rientrano più nell'ottica del sogno che della concretezza corrispondono a Matic del Benfica, Mascherano del Barcellona e Matuidi del Psg. Viva è anche la pista Gonalons del Lione, ma solo perché lo ha citato direttamente De Laurentiis, infatti non risulta un interesse concreto dei partenopei.
In difesa la situazione si scioglierà solo quando sarà comprensibile il futuro di Paolo Cannavaro. Se il difensore dovesse partire il Napoli prenderà sicuramente un sostituto. Benitez avrebbe piacere a ritrovarsi uno tra Skrtel e Agger del Liverpool, ma si tratta di obiettivi molto difficili, così come Schar del Basilea che è nel mirino del Borussia Dortmund. Piace anche Vermaelen dell'Arsenal, ma sono tutti nomi di alto profilo, sui quali si può lavorare più facilmente in estate. Se dovesse partire Cannavaro potrebbe arrivare un nome di profilo inferiore. Se davvero l'Inter dovesse richiederlo non è impossibile ipotizzare uno scambio alla pari con Andreolli in ottica prestito.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©