Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Ricoverati in ospedale quattro tifosi di casa

Benitez: "Juve ha 100mln di fatturato in più"

Sfottò e offese dagli spalti

.

Benitez: 'Juve ha 100mln di fatturato in più'
11/11/2013, 10:19

NAPOLI - "La nostra squadra è in crescita ma la Juventus vince da tanti anni. Hanno un fatturato superiore di cento milioni, giocano da tanti anni insieme e quindi sono la squadra piu' forte. Non voglio fare polemica, qualsiasi loro tifoso sarebbe d'accordo". Ha parlato così il tecnico del Napoli, Rafa Benitez, ai microfoni di Sky Sport, dopo la sconfitta subita dai bianconeri a Torino. "L'inizio è stato difficile: sotto subito contro una squadra fortissima, la partita s'è fatta in salita. Poi nel secondo tempo è stato meglio, però i gol di Pirlo e Pogba ci hanno tagliato le gambe". "Nella squadra ho visto il carattere nel secondo tempo, e se Insigne avesse fatto gol sarebbe cambiato la gara - ha proseguito Benitez -. Ci è mancato un po' di possesso palla, ma non c'è nessun problema psicologico. Pirlo? Tutti conoscono le sue qualità, ma marcarlo a uomo per tutta la gara sarebbe stato inutile. Dobbiamo crescere con personalità, e per il futuro sapremo di dover giocare come nella ripresa".

Ma Juventus-Napoli è stata anche una gara di reciproci "sfotto'" tra le due tifoserie.

Quattro tifosi della Juventus sono stati ricoverati in ospedale dopo essere stati feriti da oggetti lanciati dal settore dei tifosi del Napoli. Lo riferisce la società bianconera. Negli spazi interni al settore riservato ai napoletani ci sarebbero anche devastazioni.C'e' stato quindi un finale di partita teso tra alcuni gruppi di tifosi a Torino. Al termine della gara, quando le squadre erano già rientrate negli spogliatoi, alcuni tifosi del Napoli hanno sfogato la loro rabbia lanciando oggetti contro i tifosi della Juventus che stavano lasciando lo stadio. Gli steward e le forze dell'ordine sono intervenute. Quattro tifosi juventini sono comunque rimasti leggermente contusi dopo essere stati colpiti da alcuni oggetti.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©