Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Benitez: "Non sono l'anti-Mourinho"


Benitez: 'Non sono l'anti-Mourinho'
15/06/2010, 15:06

Rafaele Benitez ha tenuto la prima conferenza stampa alla sua presentazione come nuovo tecnico dell'Inter:

"Mourinho ha fatto un grande lavoro qua, io sono diverso: mi piace vincere, fare buon calcio se è possibile. Anche a me piace vincere, non credo sarà molto diverso". Si presenta così Rafa Benitez, l'allenatore scelto da Moratti per raccogliere la pesante eredità lasciata da Josè Mourinho, capace di vincere tutto per poi salutare i nerazzurri e accasarsi al Real Madrid.

"In Italia si respira calcio dal primo momento, in vacanza in Sardegna ho visto giornalisti che mi aspettavano, paparazzi con il 4-5-1, 4-3-3, con tutte le formazioni - ha detto ancora Benitez alla Pinetina davanti a una platea di un centinaio fra giornalisti, operatori e fotografi, dall'Italia, ma anche da Giappone, Stati Uniti, Inghilterra e Spagna - L'Inter è una società di massimo livello e voglio fare il meglio che posso".

José Mourinho si presentò due anni fa da allenatore dell'Inter chiarendo che non era un 'pirla'. Il suo successore, Rafa Benitez, opo un chiarimento con il traduttore e una breve risata, ha risposto: "Se sono qua penso che sono intelligente".

Inevitabile qualche domanda sull'Inter che sarà. A partire da Maicon: "E' importante per noi. Dobbiamo parlarne con la società e dopo decidere, ma per ora è un nostro giocatore e siamo contenti, perchè è forte". Benitez dribbla l'argomento Mascherano, quando si parla del possibile dualismo con Cambiasso. "Cambiasso è un giocatore di massimo livello, sono felicissimo di averlo qua. Non posso parlare dell'altro giocatore, perchè l'altro giocatore non è nostro".

Qualche ritocco, insomma, ma nessuna rivoluzione. Almeno in partenza, dovrebbe essere confermato anche lo schema di Mourinho, il 4-2-3-1. "La squadra è la cosa più importante - afferma Benitez -, cambiare tutto non sarebbe intelligente, se qualcosa ha funzionato bene, si può continuare".

Fonte: Corriere dello Sport

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©