Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

La conferenza stampa

Benitez: «Qualificarsi per la Champions è la nostra priorità»

«È un Napoli in calo? Dopo aver perso 5 titolari è normale»

Rafa Benitez
Rafa Benitez
04/02/2014, 15:27

NAPOLI - È un Benitez a tutto tondo quello che si è espresso nella conferenza stampa alla vigilia dello scontro di Coppa Italia con la Roma. Dal campionato alle fantomatiche divergenze con De Laurentiis, dalla prestazione della squadra a Bergamo alla partita di domani, questi gli argomenti trattati dal tecnico azzurro. Prima di tutto Bergamo, Benitez ha così spiegato il vistoso calo fisico della squadra contro l'Atalanta: «Nelle ultime tre la squadra ha avuto una reazione, a Bologna ho visto una reazione perfetta ma è mancata concentrazione sull'ultima occasione altrimenti era vinta. A Bergamo dopo il gol abbiamo reagito con Mertens ed Higuain ma non s'è fatto gol». «Cosa è successo al Napoli nell'ultimo periodo, non è più il Napoli dell'inizio di stagione? Può darsi che eravamo migliori all'inizio. Perché la Roma ha fatto male ad un certo punto? (Perché mancavano Totti e Gervinho rispondono i colleghi). Noi ne abbiamo avuti 5 di infortunati, importantissimi. Non 2, ma 5 a lungo termine! Non è una scusa ma la realtà. Non l'ho mai detto e sono convinto che faremo bene lo stesso. Certo, che dobbiamo verticalizzare di più quando c'è lo spazio, fare meglio le ripartenze, il possesso palla, questo lo teniamo presente e ci lavoriamo». Nonostante le ultime uscite poco esaltanti gli obiettivi del Napoli restano gli stessi: «La Champions è la nostra priorità, quindi dobbiamo qualificarsi. Possiamo provare a vincere qualcosa già quest'anno, però, per questo provo a gestire la rosa»Poi Rafa Benitez ha virato sulla partita che domani attende gli azzurri: «La Roma ha equilibrio, palleggio, esperienza come De Rossi, gestisce bene la palla e la partita. In fase difensiva sono forti, ma se facciamo le cose fatte nella prima partita con un po' di fortuna possiamo fare bene». Come scenderà in campo il Napoli domani sera, ci sarà un cambio di modulo? Benitez gela tutti: «Loro sanno cosa fare col 4-2-3-1. Non è il modo da analizzare, qualche partita può aiutarci, ma non cambio per far capire che il tecnico è più importante. Se si perde non è perché c'è il modulo diverso o meno, ma sono i giocatori a fare la differenza. Il tecnico vale un 20%. Chi cambia e vince e perchè ha la rosa per farlo. Qualche volta bisogna rischiare, quando hai una squada che non ha il fatturato delle altre. Accetto le critiche, ma lavoro per la mia strada».Infine Benitez offre delucidazioni sulla fantomatica spaccatura con De Laurentiis: «Il presidente è intelligente, sa dove siamo e dove vogliamo arrivare. Gli ho mandato un messaggio, cose normali. Tutti siamo dispiaciuti, è normale quando si perde, ma siamo concentrati sulla prossima sfida».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©