Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

In campo anche Revelliere

Benitez vuole una prova d'orgoglio


Benitez vuole una prova d'orgoglio
01/12/2013, 22:39

NAPOLI. Il Napoli deve ripartire e lo deve fre già da domani sera contro la Lazio. Il tecnico spagnolo ha le sue idee sul Napoli e sul calcio in generale e non si lascia condizionare dagli eventi. "Quella con la Lazio - dice il tecnico madrileno - e' una partita importante, ma continuo a dire che il campionato e' lungo. Certo non siamo contenti. Dobbiamo tirare fuori carattere ed intensita'. Col Dortmund la reazione c'e' stata e quest'aspetto e' stato positivo. Voglio vedere la stessa mentalita', la stessa determinazione mostrati in Germania". L'umore della squadra non e' certamente al top. "Ovviamente - ammette Benitez - c'e' amarezza per il risultato, ma il carattere e l'intensita' con la quale abbiamo giocato a Dortmund e' assolutamente positiva. L'ho detto anche ai ragazzi e sotto il profilo della prestazione vorrei che avessimo lo stesso atteggiamento anche domani all'Olimpico. La partita di domani e' certamente importante ma il campionato e' lungo. Noi dovremo essere consapevoli di cio' che possiamo fare e proseguire con la mentalita' che ho visto mercoledì". ''La squadra - spiega l'allenatore - fisicamente sta bene, nelle ultime due partite abbiamo fatto piu' corsa ed avevamo piu' sprint che mai. Quindi atleticamente siamo a posto. "Ho sempre detto - risponde - che il modulo conta relativamente. Possiamo anche cambiare a gara in corso. Di certo io voglio creare una nostra identita' di gioco precisa per essere protagonisti. Non sono a Napoli per giocare con dieci uomini dietro la palla''. Il Napoli fino ad ora ha pareggiato solo con il Sassuolo. ''Significa - conclude l'allenatore - che abbiamo sempre l'idea di cercare la vittoria. La mentalita' e' quella. Io preferisco vincere una partita anziche' pareggiarne tre. Poi non siamo stati fortunati sotto porta sia col Parma che col Borussia. Basta che un pallone vada dentro, tra le varie occasioni create e la partita cambia".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©