Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL MATTINO

Bergamo, cori razzisti contro i tifosi del Napoli


Bergamo, cori razzisti contro i tifosi del Napoli
27/11/2011, 09:11

Erano anche a Bergamo, ovviamente. E il loro biglietto da visita è stato scritto su uno striscione: "Ossessionati dalla fede". Erano gli ottocento tifosi del Napoli in servizio permanente effettivo, anche se residenti in altre città, soprattutto del Centro-Nord. Hanno acquistato la Tessera del tifoso appunto per seguire, liberamente, la squadra dovunque, specie al Nord. Eccoli là, i cuori azzurri di Milano, Jesi, Bologna. Si sono presentati anche allo stadio Azzurri d'Italia per incoraggiare il Napoli e applaudire Denis, che al San Paolo ha vissuto due brevi e tormentate stagioni ed è ricordato con grande affetto: alcuni tifosi si sono recati nell'albergo dei nerazzurri per un abbraccio al Tanque. Dal settore occupato dai napoletani, pochi minuti prima che cominciasse il match, è partito un "messaggio" per il capitano (virtuale) dell'Atalanta, Cristiano Doni, a riposo perché squalificato dopo l'inchiesta sulle scommesse . Tshirt bianche, una lettera per ogni maglietta, si è formata la scritta a metà tra ironia e provocazione: "Doni dacci le quote". Gli atalantini non hanno gradito e hanno scaricato insulti sui napoletani, tifosi e calciatori: il solito squallido repertorio di stampo razzista. Presi di mira Cavani, il bomber, e De Laurentiis jr, il vicepresidente del Napoli, entrato in campo. Per fortuna hanno "risparmiato" Carmando, l'ex massaggiatore del Napoli che qui ancora ricordano, a distanza di ventun anni, per la storia della moneta e di Alemao.

FONE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©