Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Biglietti Liverpool, la denuncia dei truffati


Biglietti Liverpool, la denuncia dei truffati
06/11/2010, 14:11

L’ombra del dubbio va dissolvendosi. I circa mille tifosi napoletani tenuti fuori dallo stadio di Anfield non sono vittime di un’ingiustizia ma solo di un possibile raggiro. Sott’accusa sono finite in particolare due agenzie di viaggio, che hanno di fatto agito anche da tour operator: la Sg Travel del Vomero e la Madura Viaggi di Ponticelli, che hanno offerto pacchetti completi (volo charter, trasferimento allo stadio e biglietto) per una cifra di circa 500 euro.

Centinaia le proteste giunte anche al "Mattino", una moltitudine i tifosi che hanno accusato proprio le due agenzie, ree di aver consegnato ai tifosi solo a Liverpool i tagliandi della gara, ma di un settore diverso rispetto a quello «ospiti», l’unico autorizzato dall’Uefa e dal club inglese ad ospitare i napoletani.

Il giro d’affari è quantificabile in 600mila euro, dal momento che è stato accertato che erano 1200 le persone (divise in otto charter) che hanno acquistato tale pacchetto. La convulsa giornata dell’Anfield Road è stata ricostruita: l’ingresso allo stadio è avvenuto senza problemi per i titolari del tagliando per il settore ospiti. I pochi fortunati, titolari di ticket di altri settori (e talvolta con nomi di inglesi), sono riusciti a vedere la partita o perché arrivati in anticipo oppure perché si sono mescolati, anonimamente, ai tifosi inglesi. La maggioranza, poco meno di mille persone, è rimasta fuori, bloccata dalla polizia che non ha inteso consentire immediata promiscuità tra supporter inglesi e napoletani.

I tifosi azzurri lamentano il totale disinteresse del Napoli, comunque ignaro della vicenda: l’unico addetto che ha provato – invano - a sbrogliare la matassa è stato un delegato Uefa. Vani anche i tentativi di contattare i titolari delle due agenzie: ieri mattina i rispettivi locali erano chiusi, a vuoto per l’intera giornata le telefonate per chiedere chiarimenti.

Tra le vittime anche alcune agenzie di viaggio che hanno comprato, a loro volta, i pacchetti. "Stiamo valutando di rivalerci legalmente sulla Sg Travel – afferma Maria Giovanna Scucuzza, titolare della New Vacanza – perché siamo stati raggirati, abbiamo subito danni economici e d’immagine. Avevamo ricevuto la garanzia, leggibile anche nella fattura, che avremmo avuto i biglietti del settore ospiti. Non è stato così. Intanto abbiamo rimborsato i nostri clienti".

Anche la Fiavet (Federazione italiana Turismo) è stata informata del disservizio di Liverpool. "Si intravede l’ipotesi di truffa – afferma Ugo Donzelli, presidente nazionale del sindacato autonomo operatori turistici – e saremo al fianco di tutte le agenzie e di tutti i clienti raggirati. Abbiamo già dato mandato all’avvocato Pansini di adire le vie legali".

Fonte: Il Mattino

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©