Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

"REPUBBLICA" DENUNCIA

"Biglietti per il Bayern, vincono i prepotenti"


'Biglietti per il Bayern, vincono i prepotenti'
28/10/2011, 11:10

Due ragazzi si abbracciano all’esterno del San Paolo. È ormai mezzogiorno. La vittoria del Napoli contro l’Udinese non c’entra. Sono riusciti ad acquistare il biglietto per entrare all’Allianz Arena e festeggiano. Sono tra i tremila fortunati che saranno a Monaco di Baviera, mercoledì. Molti – però – non ce l’hanno fatta e sono stati protagonisti di una notte infernale a piazzale d’Annunzio. La fila “intelligente” è cominciata dopo la partita contro i friulani, qualcuno ha addirittura rinunciato al secondo tempo per piazzarsi davanti ai cancelli che hanno aperto ieri mattina alle 10.
Tutto inutile. Hanno vinto i prepotenti. «Eravamo in gruppo – racconta Luigi Aiello – fino alle tre, tutto tranquillo». Chiacchiere tra amici, una partita a carte, spunta persino un pallone per riscaldarsi. Resta nei paraggi il camioncino dei panini che fa affari d’oro. Poi l’inferno: «Sono arrivati 20 energumeni – racconta Luigi – e ci hanno spinto in malo modo. Hanno conservato il posto ad altre persone che si sono presentate intorno alle 7. Noi ci siamo fatti indietro, ma speravamo ancora di farcela». Il peggio – però – deve ancora arrivare: «La calca al botteghino 3 a un certo punto è diventata insostenibile. Una ragazza è svenuta».
Il sogno Bayern si è trasformato in un incubo: «Ho aspettato ben 17 ore – dice Gianni, studente di Pianura – e vedrò la partita in televisione. Purtroppo ha vinto l’inciviltà dei soliti noti che ci hanno costretto ad indietreggiare. Rischiavamo di essere schiacciati». La situazione non è migliorata dopo le 11: «Siamo entrati tutti nel varco 10 della curva B e potevamo accedere al botteghino attraverso il cancello laterale. La polizia faceva passare una persona alla volta. La calca era assurda. Ci sono state anche delle cariche. Qualche amico ha rimediato una manganellata». Gianni non si è arreso: «Ho aspettato l’apertura pomeridiana delle 16. Ma è stato tutto inutile».
 I biglietti sono andati a ruba in poche ore e alle 13 è stato registrato il tutto esaurito. «Io li venderei – azzarda Gianni – soltanto nelle ricevitorie autorizzate, in modo da evitare quest’assembramento al San Paolo. Non si può continuare così, è sempre la solita storia. Ho visto persone che ne acquistavano più di uno a 40 euro e li rivendevano a 250». Molti hanno preferito scegliere Internet (erano disponibili 500 tagliandi) e hanno preso d’assalto il sito della Lottomatica. Qualcuno ci è riuscito («Sono riuscito ad acquistarne uno solo – spiega un ragazzo in scooter intorno alle 12.30 – ma me ne servivano tre. Speravo di riuscirci qui allo stadio, ma mi sembra impossibile»). L’oscar della sfortuna va a Claudio Catone: «Ero sicuro di avercela fatta. Avevo anche il posto: fila 4, posto 4. Poi mi è arrivata una mail. Il circuito mi ha negato il pagamento di 42,70 euro e non ho potuto rifare la procedura perché nel sistema risultava effettuato l’acquisto del tagliando».
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©