Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA RIVELAZIONE

Biscardi: "Cassano va operato, lo dice Berlusconi"


Biscardi: 'Cassano va operato, lo dice Berlusconi'
01/11/2011, 11:11

Tra speranze, preoccupazioni e misteri, ieri è stato sottoposto agli esami del caso dopo il malore di cui è stato vittima sabato sera e il ricovero in ospedale. Forse una malformazione da correggere con la chirurgia la causa del malore. I sintomi intanto sarebbero regrediti del tutto. Il talento barese dovrà restare in ospedale almeno per una settimana per ripetere e completare tutti gli esami strumentali

MILANO - Un'altra giornata di silenzi, misteri, preoccupazioni, tensioni e soprattutto di voci, talune incontrollate. Ma al di là delle indiscrezioni trapelate in serata, la realtà è che sulle effettive condizioni di Antonio Cassano resta ancora un punto interrogativo e per un comunicato ufficiale che chiarisca in maniera definitiva la situazione occorrerà probabilmente attendere fino a giovedì. Ovvero dopo che il giocatore avrà completato il suo ciclo di esami. Ne sono previsti sia oggi che domani e occorrerà ripetere alcuni di quelli sostenuti già domenica scorsa, perché nel frattempo lo stato fisico di Cassano è mutato. E comunque il giocatore dovrà restare in ospedale per almeno un'altra settimana. «È in fase di netto miglioramento», ha annunciato il Milan in un comunicato emesso alle 21.02 di ieri sera e divenuto obbligatorio dopo il polverone suscitato dal lancio dell'Ansa, che alle 19.27 aveva parlato di «ictus ischemico», come «prima diagnosi del malore» accusato dell'attaccante rossonero.
Nella sua nota, però, il club rossonero ha voluto solo dare ufficialità a ciò che aveva diffuso in via informale, continuando a evitare qualsiasi conferma o smentita rispetto al lancio di agenzia: «In netto miglioramento» annuncia il Milan, ma Biscardi rivela: «Il Premier mi ha detto che Antonio sarà operato al cuore»
«Le notizie in circolazione contenenti ipotetiche diagnosi sullo stato di salute di Antonio Cassano non possono considerarsi verificate poiché non provenienti da fonti mediche accertate come lo staff sanitario di A.C. Milan o i medici del Policlinico di Milano che hanno in cura il calciatore». Questo il comunicato del Milan, rilasciato attraverso il proprio sito ufficiale.
FONTE: CORRIEREDELLOSPORT.IT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©