Sport / Motorsport

Commenta Stampa

BMW motorrad goldbet sbk team - imola - gare


BMW motorrad goldbet sbk team - imola - gare
02/07/2013, 11:23

Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team ha finito il round di casa sul tracciato di Imola e, su questa pista, entrambi i piloti hanno colto il loro miglior risultato. L’idolo locale Marco Melandri (ITA) ha terminato, in sella alla BMW S 1000 RR, in quarta posizione entrambe le gare tenutesi all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari. Il compagno di squadra Chaz Davies (GB) ha finito in sesta e quinta posizione. Dopo la settima gara del FIM Superbike World Championship 2013, Marco è quarto nella Classifica Piloti con 182 punti, seguito da Chaz, quinto, con 154 punti. Nella Classifica Costruttori BMW è al terzo posto con 237 punti. Entrambe le gare sono state vinte da Tom Sykes (GB). Il BMW Motorrad GoldBet SBK Team rimarrà a Imola per partecipare ai test ufficiali Dorna in programma domani.Alla partenza di Gara 1 entrambi i piloti BMW hanno guadagnato posizioni. Marco da settimo a quinto, Chaz da decimo a settimo e, nei primi giri della gara, sono rimasti in contatto con i primi. Quando Sylvain Guintoli (FRA) si è ritirato, al sesto giro, Marco ha preso la quarta posizione e Chaz la quinta. Fino al 18° giro Marco è rimasto vicino al terzo, Eugene Laverty, ma non ha avuto l’opportunità di superarlo. Poi Marco è stato sorpassato da Jonathan Rea (GB) ed è scivolato in quinta posizione. Tornato al quarto posto, dopo la caduta di Rea al 19° giro, Marco ha poi cercato di superare Laverty per il terzo posto, è andato però lungo e ha concluso al quarto posto. Chaz nel frattempo ha lottato parecchio, principalmente con il suo connazionale, Leon Camier. Chaz è stato sorpassato da Rea e Michel Fabrizio (ITA) ritrovandosi in ottava posizione e, al 14° giro, ha cominciato la risalita superando Camier per la settima posizione. Dopo la caduta di Rea, Chaz è tornato in sesta posizione, difendendola fino alla bandiera a scacchi.Alla partenza di Gara 2 entrambi i piloti hanno, di nuovo, guadagnato posizioni rispetto a quella in griglia. Dopo il primo giro, Marco e Chaz, erano in sesta e settima posizione. Dopo cinque giri sono risaliti in quarta e quinta posizione, dopo la caduta di Davide Giugliano (ITA) e Laverty. Fino a metà gara, Marco è rimasto in quarta posizione vicino a Guintoli, che era in terza, seguito da Chaz, poco dietro. Poi la distanza di Marco dai primi è iniziata ad aumentare, mentre Chaz si avvicina sempre più. Al penultimo giro Chaz ha superato Marco, prendendo il quarto posto. Ma, nell’ultimo giro, le posizioni sono cambiate nuovamente. I due piloti ufficiali hanno combattuto per il quarto posto fino all’ultimo giro, con Marco che ha avuto un piccolo vantaggio nel finale.Sylvain Barrier ha vinto la gara odierna della FIM Superstock 1000 Cup 2013 in sella alla BMW HP4. Il francese del BMW Motorrad GoldBet STK Team ha controllato la gara in maniera intelligente ed ha così festeggiato la terza vittoria della stagione. Sylvain è ora a 95 punti, incrementando la leadership di 12 punti. Il comapgno di squadra Greg Gildenhuys (SA), che ha corso a Imola per la prima volta, ha mostrato una buona performance. Partendo dalla 17° posizione, nonostante il dolore causato dalla frattura al piede sinistro, ha concluso 10° conquistando punti importanti.

Marco Melandri:

Risultato Gara 1: 4°/ distanza dal 1° classificato: 0:10.323 / Giro più veloce Gara 1: 1:48.098 (al 2° giro)Risultato Gara 2: 4°/ distanza dal 1° classificato: 0:13.120 / Giro più veloce Gara 2: 1:48.327 (al 3° giro)“Su questa pista purtroppo la nostra moto soffre. Non credo avessimo la possibilità di vincere, per cui questo risultato è il migliore possibile. Gara 1 é stata molto dura, faticavo molto a curvare con il gas e, purtroppo, non sono riuscito a fare di più. Nelle gare precedenti avevo difficoltà con le gomme nuove invece, qui a Imola, abbiamo avuto maggiori difficoltà con le gomme usate. La guida mi ha impegnato molto dal punto di vista fisico, infatti, alla fine della gara ero davvero stanco. In Gara 2 abbiamo cercato di risolvere con delle modifiche alla sospensione anteriore, ma la situazione non è migliorata. La moto è rimasta nervosa, più forzavo e più la moto si muoveva. Nell’ultima parte della gara Chaz mi ha passato e ho faticato molto per riprenderlo, se non avesse fatto un errore probabilmente non ci sarei riuscito. Il lato positivo è che, visto il risultato, ho accorciato la distanza dai piloti Aprilia”.

Chaz Davies:

Risultato Gara 1: 6°/ distanza dal 1° classificato: 0:19.531 / Giro più veloce Gara 1: 1:48.602 (all’ 3° giro)Risultato Gara 2: 5°/ distanza dal 1° classificato: 0:13.630 / Giro più veloce Gara 2: 1:48.359 (al 14° giro)“Gara 1 é stata difficile. Non riuscivo ad uscire dalle curve come volevo, in qualunque altra posizione la moto sembrava lavorare bene ma non riuscivo a tenere sotto controllo la moto, come volevo, all’uscita dalle curve. Scivolava e poi riprendere grip, scomponendo la moto, oppure l’accelerazione non era abbastanza buona facendomi perdere almeno una lunghezza. Dovevo quindi spingere forte sul dritto per recuperare fino alla curva successiva. Alla fine della gara la moto era più gestibile rispetto a metà gara, perché il grip era piú costante. Sembrava che, man mano che la corsa andava avanti, la moto migliorasseAbbiamo sfruttato l’esperienza per migliorare la moto per la seconda gara. La moto andava meglio e sono stato in grado di lottare con un buon gruppo con Marco e, a fine gara, avevo ancora davanti i piloti del podio. La battaglia con Marco negli ultimi giri è stata divertente. L’ho superato al penultimo giro e sono rimasto davanti per un giro. Poi risalendo per la collina ha guidato molto bene e mi ha superato alla Piratella. Poi nell’ultima curva ho provato ad entrare all’interno ma ho perso il retrotreno, è stato un peccato ma mi sono divertito. L’unica cosa che mi dispiace è che ancora perdo troppo tempo ad uscire dalle curve. Per qualche ragione, perdevo grip prima e non potevo aprire il gas come mi sarebbe piaciuto. Questo mi ha fatto perdere tempo sul dritto, domani dobbiamo lavorare su questa area nel test di domani e sono certo che troveremo una soluzione”.

Andrea Buzzoni (General Manager BMW Motorrad WSBK):

“La domenica é iniziata molto bene con la vittoria in Superstock. Sylvain ha fatto una gara perfetta e ha vinto conducendo la gara in maniera impeccabile e, con questo risultato, ha ulteriormente incrementato il suo vantaggio in testa alla classifica. Era, inoltre, la prima volta che correvamo a Imola con la nuova HP4 con le sospensioni elettroniche, questo risultato dimostra l’ottimo lavoro fatto dal Team.In Superbike un weekend difficile. Il risultato raggiunto non è quello a cui noi ambiamo, anche se, su una pista non favorevole alle caratteristiche della nostra moto, abbiamo limitato i danni. Infatti con questo risultato, nella classifica piloti, Marco e Chaz hanno ridotto la distanza dai piloti dell’Aprilia. Domani avremo un giorno di test in cui proveremo diverse nuove soluzioni. Abbiamo molte idee e la possibilità di provare in una pista per noi difficile ci sarà ulteriormente d’aiuto per migliorare in vista del prossimo round di Mosca”.

Andrea Dosoli (Direttore Tecnico BMW Motorrad GoldBet SBK Team):

“Ci aspettavamo un week end difficile. Possiamo così riassumere il weekend: sessione dopo sessione abbiamo migliorato la performance, Marco è stato vicino al podio in entrambe le gare. E lo stesso vale per Chaz in Gara 2. Ma è chiaro che il nostro pacchetto su questa pista ha bisogno di migliorare. Marco non si trova bene con la ciclistica, non riesce a entrare in curva veloce come gli altri piloti e in quest’area lavoreremo domani durante i test. Chaz ha migliorato ad ogni sessione da venerdì, ha fatto un buon lavoro durante il weekend, éd ha anche fatto il miglior risultato su questa pista, ma siamo anche sicuri che può fare di meglio se riusciremo a supportarlo con un pacchetto migliore. Vogliamo lavorare sodo con entrambi i piloti per migliorare il pacchetto complessivo. Dobbiamo continuare a migliorare per avere una buona seconda parte di stagione

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.