Sport / Motorsport

Commenta Stampa

BMW motorrad goldbet sbk team - portimao - superpole


BMW motorrad goldbet sbk team - portimao - superpole
10/06/2013, 11:00

È stata una giornata altalenante per il BMW Motorrad GoldBet SBK Team a Portimao (POR). Nel sesto round del FIM Superbike World Championship il pilota ufficiale, Marco Melandri (ITA), partirà dalla seconda fila. Nella Superpole, interrotta da una debole pioggia, Marco ha fatto segnare il quarto tempo in sella alla BMW S 1000 RR. Il compagno di squadra Chaz Davies (GB) ha avuto una giornata difficile: è caduto nell’ultima parte delle sessione di prove libere, due ore prima della partenza della Superpole, e domani partirà dalla quarta fila in dodicesima posizione.Nella seconda qualifica di questa mattina le condizioni erano di asciutto ma, intorno a mezzogiorno, ha iniziato a cadere una leggera pioggia. I piloti hanno quindi aspettato prima di uscire nella sessione di libere fino a che il circuito si asciugasse. A pochi minuti dalla fine Chaz è caduto perdendo il controllo sulla cima, prima dello scollinamento, riportando una ferita al braccio destro, taglio che è stato poi medicato nella Clinica Mobile.La Superpole è iniziata con l’asciutto, sia Marco che Chaz sono usciti subito con pneumatici da gara, Chaz ha poi scelto di utilizzare il primo pneumatico da qualifica e ha stabilito il miglior tempo della Superpole 1. Marco invece è uscito, di nuovo, con pneumatici da gara, concludendo in sesta posizione. In Superpole 2 entrambi i piloti hanno iniziato con pneumatici da qualifica ma, durante il primo giro, la sessione è stata interrotta dalla bandiera rossa a causa della pioggia. Chaz non ha così potuto sfruttare l’ultimo pneumatico da qualifica disponibile. Il format di qualifica è stato modificato in “Wet Superpole”. Invece della Superpole 2 e 3 si è tenuta solo la “Final Wet Superpole”, una sessione unica di 20 minuti in cui hanno partecipato i 12 piloti precedentemente qualificati per la Superpole 2. Marco è uscito prima con pneumatici da gara, poi ha montato il suo secondo pneumatico da qualifica e ha stabilito il quarto tempo. Chaz nella sessione finale è uscito prima con pneumatici da gara, poi con uno pneumatico da qualifica usato con cui ha faticato molto e ha terminato la sessione in 12° posizione.

Nella FIM Superstock 1000 CUP il pilota del BMW Motorrad GoldBet STK Team, Sylvain Barrier, partirà domani dalla pole position nonostante la caduto all’inizio della seconda e ultima sessione di qualifica. Il tempo, stabilito da Sylvain con la BMW HP4 nella prima sessione di qualifica di ieri è stato sufficiente per assicurargli la pole-position. Il compagno di squadra Greg Gildenhuys (SA) ha sfidato il dolore della sua ferita al piede sinistro, qualificandosi 15°.

Marco Melandri:

Giro più veloce Prove di qualifica: 1:42.933 min (P4) / Giro più veloce FP: 1:43.293 min (P4) / Giro più veloce Final Wet Superpole: 1:42.115 min (P4)

“È stata una qualifica abbastanza buona, ma non siamo ancora completamente a posto. La cosa positiva è che, per la prima volta, siamo riusciti a sfruttare al meglio la gomma da qualifica. Oggi siamo riusciti a migliorare il posteriore ma siamo leggermente tornati indietro con l’anteriore. La pista è molto rovinata e purtroppo paghiamo un po` di stabilità sui dossi. Per domani dovremo mettere insieme il miglior pacchetto per avere un buon passo, in gara sarà inoltre molto importante partire bene, la seconda fila non è un problema, ma devo cercare di essere subito con i primi per potermi giocare le posizioni di testa”.

Chaz Davies:

Giro più veloce Prove di qualifica: 1:43.599 min (P9) / Giro più veloce FP: 1:44.191 min (P11) / Giro più veloce Final Wet Superpole: 1:43.463 min (P12)

“É stato frustrante perché prima di cadere sentivo che la moto andava meglio. Questo é, in parte, il motivo della caduta, infatti, sono arrivato in cima, prima di scollinare, molto forte, forse troppo per il set-up della moto in quel momento. La moto è, come, ‘decollata’ e la caduta è stata molto violenta. Ho un buco nel gomito e ho picchiato la testa abbastanza forte. Prima della Superpole, infatti, non mi sentivo completamente a posto. Abbiamo comunque superato la prima sessione con un tempo discreto, poi c’è stata la bandiera rossa, ma questo valeva per tutti. Nella sessione finale non ho potuto sfruttare al massimo la gomma da qualifica, penso che avesse già sei giri e avesse già dato il meglio, ed ho fatto un errore nel mio giro migliore. Per domani dovremo migliorare ulteriormente il set-up e trovare qualche soluzione che mi faccia sentire più a mio agio e che aiuti le sospensioni ad assorbire i dossi. È questa la priorità per domani”.

Serafino Foti (Direttore Sportivo BMW Motorrad GoldBet SBK Team):

“Marco oggi, per la prima volta, è riuscito a sfruttare la gomma da qualifica, questo è già un importante passo avanti. Domani sarà in seconda fila, in quarta posizione, sarà fondamentale che scatti bene per essere con i primi per giocarsi le posizioni di testa. Chaz stamattina è caduto a circa 180 km/h, ha riportato una piccola ferita al braccio, nulla di grave, ma avendo picchiato la testa eravamo preoccupati. Fortunatamente i medici hanno verificato che non c’è nessun problema e, così, ha potuto partecipare alla Superpole. Siamo contenti che stia abbastanza bene e che non gli sia successo niente di grave, domani partirà dalla 12° posizione e, sicuramente, fará del suo meglio per recuperare posizioni e fare una buona gara.

In Superstock abbiamo mantenuto la pole position grazie al tempo che Sylvain ha fatto ieri. Purtroppo oggi è caduto dopo due giri, ma fortunatamente senza nessuna conseguenza. Greg non è ancora guarito e, in queste condizioni, sta facendo del suo meglio”.

Andrea Dosoli (Direttore Tecnico BMW Motorrad GoldBet SBK Team):

“Con Marco abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di qualificarci nelle prime due file. Sfortunatamente Chaz è caduto pesantemente durante le libere e, per questo motivo, non potevamo aspettarci di più. Abbiamo migliorato la moto, specialmente al retrotreno, nell’assorbire meglio i dossi. Siamo soddisfatti ma non è ancora sufficiente, infatti, i nostri concorrenti hanno un passo migliore. La differenza non è enorme e ci lavoreremo stanotte. Perdiamo un po’ troppo nell’ultimo settore dove entrambi i piloti hanno minor feeling in ingresso di curva e non riescono a tenere la velocità necessaria. Dobbiamo lavorare per migliorare ulteriormente e per dare a entrambi i piloti, un buon pacchetto. Domani nel warm-up proveremo diverse soluzioni”.

Commenta Stampa
di Ilaria Nacciarone
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.