Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TATTICA

Bologna - Napoli, la partita alla lavagna


Bologna - Napoli, la partita alla lavagna
10/04/2011, 10:04

Un avversario che non ha più nulla da chiedere al campionato è spesso un avversario un molto pericoloso. Quella di Bologna non è per niente una sfida facile per gli azzurri che hanno bisogno di vincere a tutti i costi per continuare la volata scudetto con le due milanesi. Gli uomini di Malesani, salvi da tempo, giocheranno con la mente libera e vogliosi di riscattare la sconfitta di Brescia, sconfitta che fu preceduta da mille polemiche. Proprio però la voglia di giocarsi la partità a viso aperto, potrebbe favorire gli azzurri, capaci di dare il meglio di sè con le squadre che non si chiudono.
L'atteggiamento degli uomini di Mazzarri dipenderà molto da chi sostituirà nel tridente offensivo lo squalificato Cavani
. Nel caso in cui dovesse giocare il Pocho centravanti, l'argentino è un giocatore che ama muoversi su tutto il fronte offensivo aprendo in questo modo ampi spazi per i compagni, Hamsik e i due esterni, che arrivano da dietro. Le veloci ripartenze e gli inserimenti dei giocatori offensivi azzurri potrebbero essere ancora una volta l'arma di un Napoli che ha assolutamente bisogno dei tre punti. Se il mister azzurro opterà per questa scelta, al posto del numero 22 giocherà uno tra Mascara e Zuniga, con il colombiano in leggero vantaggio. Diverso invece l'approccio tattico se al posto di Cavani verrà schierato Lucarelli. L'ex attaccante del Livorno, nonostante sia apparso in grande forma nelle sue ultime, seppur brevi, apparizioni, è un tipo di giocatore più statico rispetto agli altri avanti azzurri ma molto più abile nel gioco aereo e nel far salire la squadra. In questo caso sarà molto importante il lavoro di Dossena e Maggio che dovranno buttare in mezzo dalle due corsi molti palloni invitanti. I dubbi però non sono solo in attacco ma anche a difesa e a centrocampo dove sono ancora aperti i ballottaggi Aronica - Ruiz e Yebda - Gargano.
In fase difensiva l'uomo più pericoloso dei rossoblù è di certo Marco Di Vaio, autore di 19 reti in campionato e abilissimo nelle ripartenze e nei duelli uno contro uno. Vicino a lui ci sarà Ramirez, giocatore tecnicamente molto dotato e anche lui molto abile nel saltare l'uomo. Attenzione anche agli inserimenti dalle retrovie di Perez ed Ekdal e a Casarini e Rubin sulle fasce, due clienti molto difficili per Maggio e Dossena.

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©