Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Denis il migliore

Bologna-Napoli, le pagelle azzurre


Bologna-Napoli, le pagelle azzurre
07/03/2010, 17:03

BOLOGNA - De Sanctis 6-: ha tentato il tutto e per tutto nel finale con una grinta ineguagliabile, ma c'è il suo errore sul raddoppio di Adailton
Campagnaro 5,5: In dubbio fino alla fine non era al top e si è visto. Troppi cross dalla tre-quarti inutili
Cannavaro 6: Il capitano commette qualche errore, ma prova sempre a far ripartire la squadra. Grinta e concentrazione.
Rinaudo 6+: Il più è per il gol che concede un pò di speranza al Napoli. La retroguardia azzurra non ha fatto male si è trovata quasi sempre lasciata sola dai compagni e non ha potuto chiudere gli spazi agli attacchi del Bologna. (Dossena 5: acquistato per spingere, non crossa quasi mai)
Maggio 5,5: Costretto da Modesto e Lanna a stare quasi sempre sulla difensiva
Gargano 6: Corre di più di Pazienza, ma non scala bene in fase difensiva se non nel secondo tempo quando ferma un paio di contropiedi
Pazienza 5,5: Mazzarri ha sempre preferito il centrocampo di quantità, ma serve uno dai piedi buoni. Poco aiuto ai compagni di reparto sulla fascia. (Denis 6,5: ancora una volta cambia il volto alla gara anche se senza gol. L'attacco azzurro con lui è più concreto, va al tiro, fa sponda e fa salire la squadra. Inoltre lotta su ogni pallone. L'idea tridente non è così lontana)
Aronica 6-: Partita diligente, preferito a Dossena per avere una copertura maggiore fa il suo, ma serve più spinta.
Hamsik 5,5: Lo slovacco è in calo. Risente un pò la stanchezza per l'impegno in Nazionale di mercoledì, ma non è solo in questa domenica che non fa bene (Cigarini 6: prova a mettere ordine nell'impostazione del gioco azzurro. E' sul l'iniziativa che porta la palla gol più importante della partita dei campani)
Lavezzi 5: Ci si aspetta molto di più dal Pocho. Solo uno spunto nel primo tempo
Quagliarella 4,5: E' un momento nero per l'attaccante azzurro, non riesce neanche nelle cose più facili, proprio lui abituato a gol e giocate "impossibili".

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©