Sport / Calcio

Commenta Stampa

Il retroscena

Borriello ammette: "Ad agosto volevo andare via"

Ma ora è sicuro: "Felice di essere rimasto a Roma"

Borriello guiderà l'attacco della Roma nelle prossime partite
Borriello guiderà l'attacco della Roma nelle prossime partite
24/10/2013, 11:22

ROMA - Con Totti e Gervinho infortunati, tutto lascia intendere che sarà Marco Borriello a guidare l'attacco della Roma nelle prossime partite. Dato sul piede di partenza da un momento all'altro ad agosto, la punta di origini napoletane ha dichiarato di esser felice di essere rimasto nelal capitale per giocarsi le sue carte. "Sono stato sul punto di partenza ad agosto, perchè volevo continuare un buon lavoro che avevo fatto a Genova lo scorso anno. Sapevo che a Roma le gerarchie erano quelle e che sarebbe stato difficile giocare. Ma poi il destino ha voluto che rimanessi qua e ora mi sento parte integrante della squadra". L'attaccante parla di obbiettivi: "La Roma vuole finire tra i primi 5 posti, tra questi c'è la Uefa, c'è la Champions e c'è anche lo scudetto". Marco Borriello è cauto sulla Roma di questa stagione, ma non pone limiti. "Bisogna pensare partita dopo partita, sicuramente stiamo avendo una media scudetto, speriamo duri tanto. Ma vincere aiuta a vincere: oltre al lavoro di campo tecnico-tattico, l'entusiasmo è alla base di tutto"; Ultimamente si sta parlando anche della spalmatura dell'ingaggio: "Sì, il mio procuratore ne sta parlando con la società, anche io lo sto facendo, e credo che a breve si farà". Su Totti: "Francesco è la luce di questa squadra. Lo porterei al Mondiale, al di là della qualità: ha un carisma unico, quindi alla nazionale farebbe bene". E lui al Mondiale ci andrà? Meglio esser cauti: "Lo dico quando farò 20 gol, devo fare cose straordinarie". Sulla novità Gervinho riconosce le perplessità iniziali: "E' arrivato con un po' di scetticismo, ma poi si è conquistato la fiducia nel giro di tre partite. Sono assenze che pesano, io sono un giocatore diverso, darò meno qualità di Francesco, magari darò piò profondità. Con il mister studieremo, se giocherò, come giocare questa partita". Sulla corsa al titolo aggiunge: "Il Napoli e la Juve si sono rinforzate di più sul mercato, hanno esperienze passate e sono loro le favorite. E anche il Milan si rialzerà e risalirà presto".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©