Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

DOPO IL DANNO, LA BEFFA

Borriello, problemi al confine per multe di Belen!


Borriello, problemi al confine per multe di Belen!
09/02/2012, 11:02

Ingombrante in tutti i sensi il ricordo di Belen Rodrigez. Ne sa qualcosa l'attaccante napoletano (di recente passato dalla Roma alla Juventus), Marco Borriello. Da quando il calciatore e la showgirl si sono lasciati, per la Rodriguez è iniziata una folgorante carriera che l'ha portata ad essere onnipresente in tv, al cinema e sui giornali. Poi, come se non bastasse, Belen si è fidanzata con il chiacchieratissimo Fabrizio Corona e allora anche la loro storia è stata mediaticamente vivisezionata, commentata, «perseguitata», fotografata e data in pasto al pubblico (e quindi anche a Borriello).
Insomma i fatti hanno reso decisamente difficile, per la punta , dimenticarsi Belen, togliersela dalla testa, cancellarla come si vorrebbe fare con qualsiasi ex. Specie adesso che, alla «persecuzione» mediatica, si è aggiunta anche quella economica. Marco Borriello è andato qualche giorno fa in Svizzera per un po' di relax. Ma mentre stava ritornando in Piemonte, come ha raccontato il quotidiano Il Giorno, è stato fermato al confine con l'Italia alla guida di una «Mini Morris».
Con immensa sorpresa, il calciatore ha scoperto che sull'auto pendevano 800 franchi (l'equivalente di circa 650 euro) per una vecchia multa non pagata in Svizzera. Parola delle Guardie di Confine. Borriello, contrariato, ha protestato chiedendo spiegazioni. Che, puntualmente, sono arrivate come una beffa: le multe della «Mini», di proprietà del calciatore juventino, erano state «collezionate» dalla bella Belen Rodriguez, quando era la sua fidanzata.
Borriello non ha potuto farci nulla: per far ritorno in Italia ha dovuto pagare. La «Mini Morris», oltretutto, è la stessa che valse al calciatore un «Tapiro d'Oro» di «Striscia la Notizia» sempre per vicende legate alle multe prese dalla bella Belen Rodriguez.
 FONTE: IL GIORNALE.IT

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©