Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE "IL MATTINO"

"Britos, un gol che segna la fine del calvario"


'Britos, un gol che segna la fine del calvario'
14/02/2012, 11:02

Festa uruguaiana. La apre Britos, la chiude Cavani. Piacevolissima sopresa il gol del difensore, ennesima conferma quella del Matador. Per Britos è la fine di un calvario durato quattro mesi, cominciò a Barcellona, la sera del trofeo Gamper: si fratturò il quinto metatarso destro. Festeggiatissimo il suo gol, anche dai compagni, con un’esultanza particolare. Perfetto il colpo di testa su calcio d’angolo al bacio di Lavezzi, il difensore salta altissimo e la mette giusto nell’incrocio. «Uno schema provato in allenamento, ringrazio il Pocho per avermela messa lì, perfettamente». Una rete importante e un’esultanza particolare, Britos ha mimato il lancio con la canna da pesca e Cavani ha finto di abboccare all’amo, tutti e due sono grandi appassionati di pesca, soprattutto Britos. «Ci eravamo messi d’accordo, dopo il gol di uno dei due l’avremmo fatto. Per me è stata una liberazione».
Il difensore uruguaiano può essere un elemento in più fondamentale per la difesa, era stato acquistato per questo, figurava già l’anno scorso nella lista degli eventuali rinforzi. È arrivato a giugno, neanche il tempo di comiciare a metabolizzare gli schemi di Mazzarri in ritiro e il colpo del ko, l’infortunio gravissimo subito a Barcellona. Poi il riposo assoluto, le terapie mediche seguito dai dottori del Napoli, De Nicola e D’Andrea, finalmente il rientro in gruppo a metà dicembre. Ma ancora non era pronto per la prima squadra, cominciò a riabituarsi con un paio di partitelle con la formazione Primavera per ritrovare il ritmo partita.
A gennaio nell’anno nuovo finalmente l’esordio nella partita di coppa Italia vinta contro il Cesena, l’esordio in campionato dal primo minuto invece c’è stato nella sfortunata trasferta di Genova, quella persa 3-2. E ora finalmente una serata di gloria, il primo gol in maglia azzurra. Britos acquistato dal Bologna e costato otto milioni ha dato un primo segnale importante, una rete fondamentale per il morale, ora gli serve migliorare anche in termini di prestazioni. «Sono contento per il gol, non sono ancora al massimo, fisicamente e tatticamente devo ancora crescere. Ci voleva la vittoria, ne avevamo parlato negli spogliatoi che dovevamo metterci tutto e l’abbiamo fatto». Tre punti importanti e futuro che si può guardare con maggiore fiducia, in vista della grande partita di Champions. «Ora pensiamo alla partita contro la Fiorentina, sarà durissima: occorre un’altra grande prestazione. Poi penseremo alla Champions contro il Chelsea. Ringrazio i tifosi, mi hanno aiutato e incitato. Spero di poter ricambiare dando un mio contributo alla squadra».
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©