Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'ex calciatore ai nostri microfoni tra passato e futuro

Bruscolotti: "Il patron vuole riportare Napoli ai vertici"


.

Bruscolotti: 'Il patron vuole riportare Napoli ai vertici'
02/12/2009, 12:12

NAPOLI - Il presidente Aurelio De Laurentiis lavora sodo per riconsegnare al capoluogo campano una squadra vincente e torna alla memoria quel grande Napoli da scudetto degli anni ottanta, quando tra le fila azzurre c'era anche un certo Beppe Bruscolotti. Noi lo abbiamo intervistato e ci ha parlato del presente azzurro, facendo un tuffo nel passato e guardando al futuro.
"Il Napoli sta crescendo - ha ammesso Bruscolotti - E' in fase di costruzione, ed è normale che dopo anni di sofferenza sia difficile tornare grandi subito. La bravura è stata rientrare nel grande calcio e gettare le basi per il futuro. Il presidente vuole riportare il Napoli ai vertici del calcio italiano, anzi europeo".

Cosa rivede del Napoli di un tempo nella squadra di oggi?: "Ci vogliono ancora un pò di anni, ma per quanto riguarda il programma vederemo un Napoli vincente"

Cosa manca agli azzurri per tornare a vincere, dove possono arrivare?: "Quest'anno ci sono stati dei problemi nella costruzione, sono mancate detemrinate pedine. Ora il Napoli si sta ricompattando, è riuscito ad agguantare risultati importanti. Sarà un Napoli vincente".
Il “palo ‘e fierro”, così fu soprannominato Bruscolotti per il fisico massiccio e la forza fisica, esordì in Serie A il 24 settembre 1972 in un Napoli - Ternana 1-0 e giocò in maglia azzurra fino al 1988.
E’ un punto di riferimento per i tifosi azzurri che ricordano le vittorie di scudetti e Coppe. Non a caso è stato capitano degli azzurri per lungo tempo, prima di cedere la fascia a Diego Maradona.
Con la maglia del Napoli Bruscolotti ha vinto due Coppe Italia, uno scudetto ed una Coppa di Lega Italo-Inglese.
Come dimenticare la rete siglata al San Paolo contro l’Anderlecht nella semifinale di andata della Coppa delle Coppe del 1977, purtroppo non sufficiente per accedere alla finalissima.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©