Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Bruscolotti: "San Siro è come un sortilegio"


Bruscolotti: 'San Siro è come un sortilegio'
01/10/2011, 10:10

Dalle pagine de Il Mattino, Beppe Bruscolotti presenta la sfida tra Inter e Napoli: "San Siro è come un sortilegio. Il Napoli nella sua storia - spiega l'ex capitano azzurro - ha sempre avuto giocatori di grande personalità, compreso il sottoscritto, solo che quando si gioca a Milano, ripeto, avviene un sortilegio. Qualcosa di inspiegabile. L'episodio del '71, anzitutto: Gonella concesse un discusso rigore all'Inter sull'1-0 per il Napoli. Io non c'ero ancora'.

Episodi vissuti direttamente?

'Un gol nella nebbia, era il '72. Non riuscivamo a vedere a distanza di centimetri, all'improvviso vedemmo il pallone nella nostra porta. Gol di Facchetti a nove minuti dalla fine'.

A proposito di porte, una volta lei lanciò Altobelli, il campione del mondo, nella rete.

'Era l'85, c'era nervosismo in campo e fuori. Buriani era stato messo ko da un intervento di Mandorlini, dagli spalti i tifosi dell'Inter lanciavano di tutto nell'area del Napoli. Garella venne colpito da un oggetto e rimase a terra. Altobelli s'infuriò, mi disse: "fallo rialzare, non faccia la scena..". Scaraventai Altobelli nella rete: Garella era stato colpito, non faceva sceneggiate".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©