Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Bucchi: "L'Udinese merita il terzo posto"


Bucchi: 'L'Udinese merita il terzo posto'
12/05/2012, 14:05

A Radio Crc è intervenuto Christian Bucchi, doppio ex calciatore di Napoli e Siena: “Finalmente anche le squadre minori giocano fino alla fine ogni partita facendo sì che ogni match non sia scontato. Il Siena non credo farà la partita della vita e, oltretutto, gli stimoli del Napoli saranno sicuramente superiori. Mi auguro che il Napoli raggiunga il terzo posto anche se il destino degli azzurri non dipenderà solo da loro. Sono sicuro che il Catania farà la sua partita così come la Lazio e l’Inter. Napoli, Udinese, Lazio e Inter hanno fatto un percorso significativo in questo campionato per cui che vinca il migliore. Come organico credo che il Napoli abbia qualcosa in più rispetto alle altre ma, se si parla di meritocrazia, credo che l’Udinese meriti il terzo posto. Il Napoli a Londra, contro il Chelsea, credo che avrebbe potuto passare il turno. Nel primo tempo c’è stata un po’ di sfortuna che insieme alla bravura dei blues ha fatto sì che il Napoli non sfruttasse le occasioni che si sono presentate. Ma, in ogni caso, il Napoli è uscito dalla Champions League a testa altissima. Visto poi dove è arrivato il Chelsea credo che il Napoli possa essere soddisfatto della sua avventura in Europa. La squadra azzurra ha fatto benissimo e la stagione mi pare essere tutt’altro che deludente. Cosa sceglierei tra coppa Italia e Champions League? Con la coppa Italia il Napoli andrebbe a vincere un titolo che manca da tanto tempo ma tra la coppa Italia e la Champions League probabilmente sceglierei la Champions perché continuare la marcia in Europa è importante per un club e per la sua crescita. Non credo che a Napoli sia finito un ciclo, ricordo che quando arrivai a Napoli era ancora un cantiere perché la società stava mettendo le fondamenta. Non credo che il Napoli sia da rifondare, è importante crescere anno dopo anno. L’allenatore azzurro poi, si è mostrato un grandissimo tecnico per cui credo che lo sviluppo della società stia andando avanti”.

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©