Sport / Calcio

Commenta Stampa

Lo dice il Corriere

Caccia a Gaston Ramirez, c'è anche il Napoli


Caccia a Gaston Ramirez, c'è anche il Napoli
28/07/2012, 12:17

Caccia aperta a Gastòn Exequiel Ramìrez Pereyra, centrocampista d'attacco, sinistro naturale. Ventidue anni il prossimo 2 dicembre. L'asso del Bologna è nella top ten dei più richiesti. La lista è lunga: Liverpool, Inter, Juve, Napoli, Wolfsburg, Manchester City... e il prezzo sale. I 13,5 milioni di euro per rilevare tutto il suo cartellino, preso nel 2010 dal Bologna a rate dal Penarol per circa 3 milioni di euro, adesso non bastano più: si parla di 15-16 milioni. Asta coperta. Il contratto con la società rossoblu scade a giugno del 2016. Il Bologna resiste, ma c'è la fila! La procura del calciatore è della Corner Association targata Diego Heredia Triguero, licenza in Spagna, che ha il totalizzatore sempre in funzione. E' l'asso emergente della scuderia. Un nino de oro, indossa la numero 10.

MAGIA CONTRO GLI EMIRATI ARABI – Giovedì scorso contro gli Emirati Arabi Uniti la Celeste balbettava calcio. I super attaccanti Cavani e Suarèz non riuscivano a incidere per mancanza di palloni giocabili. La difesa uruguaiana ballava la murga nemmeno fosse Carnevale. Gli arabi di Mahdi Ali scorazzavano sul prato dell'Old Trafford travestiti da Red Devils. Avevano già spedito con l'esperto Ismail Matar un pallone alle spalle di Martìn Campana (e non Campana come ostinatamente battacchiano in etere telecronisti un po' così) mentre in tribuna Yousuf Al Sarkal, presidente della Federcalcio EAU, gongolava guardando La Mecca. Ma a tre minuti dal riposo, zac! Gastòn Ramìrez su punizione firma un gol-capolavoro mettendo il pallone dove mai più arrivare Ali Khusaif. E' il suo tributo a Olimpia, dea dei Giochi. E la quotazione dell'uruguaiano vola come il suo nickname: "l'aquila". Nella ripresa il Maestro Oscar Tabàrez centra i cambi ridisegnando la Celeste che segna ancora con Lodeiro e vince la partita. Fonte: CorrieredelloSport.it

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©