Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Calcio, De Sanctis avverte: il Napoli si è rinforzato


Calcio, De Sanctis avverte: il Napoli si è rinforzato
16/10/2013, 11:23

ROMA - "E' un momento importante della stagione, anche se soltanto iniziale. Sicuramente sarà una partita diversa dalle altre". A 48 ore dal derby del sud, Morgan De Sanctis ammette che affrontare il Napoli non sarà facile. Un po' per le emozioni vissute in maglia azzurra, un po' per il valore della squadra di Benitez. "Per quello che mi riguarda gli ultimi quattro anni sono stati intensissimi", spiega il portiere della Roma, che con i partenopei ha disputato 147 partite. Quella di venerdì sera, poi, sarà la prima volta da avversario: "Credo che il Napoli può contare su un organico più forte e completo rispetto alla passata stagione. Benitez ha la possibilità di svolgere un ottimo lavoro". La Roma, però, non sembra avere l'intenzione di volersi fermare dopo avere conquistato il primo posto in classifica a punteggio pieno. "E' una soddisfazione collettiva, perché in questo risultato c'è il lavoro che abbiamo iniziato a luglio con tutta la squadra e che, nelle prime sette partite, ci ha visto molto attenti, scrupolosi nella cura di tutti i particolari", sottolinea De Sanctis, ai microfoni di Sky Sport 24. E le uniche che al momento sembrano in grado di tenere il ritmo imposto dai giallorossi di Garcia sono proprio il Napoli e la Juve. "I bianconeri hanno il vantaggio di lavorare con Conte per il terzo anno consecutivo - ammette il portiere -. Il Napoli, invece, ha una struttura di squadra consolidata, arricchita da un allenatore che ha portato idee nuove e diverse, da una rosa che è stata rinforzata e completata". Per capire se sarà in grado di fermare la corsa della Roma basterà attendere la sfida dell'Olimpico che richiamerà sugli spalti il pubblico delle grandi occasioni. "Il messaggio che lascio ai tifosi, sia della Roma sia del Napoli, è quello di godersi lo spettacolo che noi cercheremo di trasformare nel più entusiasmante e bello possibile", conclude.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©