Sport / Calcio

Commenta Stampa

L'Interntional Board prende tempo per decidere

Calcio: Hawk-eye e GoalRef per aiutare gli arbitri a non sbagliare


Calcio: Hawk-eye e GoalRef per aiutare gli arbitri a non sbagliare
03/03/2012, 16:03

LONDRA (INGHILTERRA) - L'International Board, l'organismo incaricato di valutare modifiche alle regole nel settore del calcio, si trova davanti a forti pressioni per l'introduzione di nuove tecnologie per aiutare gli arbitri a non sbagliare. In particolare per i casi di "gol-non gol" che capitano; l'ultimo esempio in Italia è stato quello di Juventus-Milan, con Buffon ha parato un pallone abbondantemente oltre la linea di porta, ma gli arbitri non se ne sono accorti. Il sistema proposto dalla Figc e sperimentato da tempo non ufficialmente allo stadio di Udine - in pratica un sistema di telecamere sugli spalti per avere un replay istantaneo - è stato considerato poco efficiente. Per cui se ne stanno provando altri due. Uno si chiama GoalRef, ed è un sistema di cui si discute da oltre 20 anni. Consiste nel dipingere il pallone con una vernice metallica e disporre un sensore magnetico vicino ai pali, in modo che suoni quando la palla ha completamente superato la linea. Il secondo è utilizzato, anch'esso da molti anni, ma nel tennis: si chiama Hawk-eye (occhio di falco) ed è un sistema di riconoscimento ottico basato sulle riprese delle telecamere. Ma sono due sistemi che hanno comunque del problemi. Bisogna vedere se è possibile tarare il GoalRef con tanta precisione. E in quanto all'Hawk-eye, funziona bene nel tennis. Ma funzionerebbe egualmente nel calcio, quando gli altri giocatori possono coprire il pallone?
Il grosso problema dell'International Board è che è pachidermico e conservatore: si muove con molta lentezza ed è restìo a prendere decisioni senza averle lungamente provate. Basta pensare al fatto che è dal 2007 che i Paesi islamici hanno cominciato a chiedere che alle calciatrici dei loro Paesi venisse concesso di giocare con tuta lunga e cappuccio, e ancora non hanno preso una decisione...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©