Sport / Calcio

Commenta Stampa

Sono accusati di pubblicità ingannevole e aggressiva

Calcio in Tv: l'Antitrust apre una indagine su Sky e Dazn


Calcio in Tv: l'Antitrust apre una indagine su Sky e Dazn
29/08/2018, 10:31

ROMA - Dopo i numerosi esposti presentati, l'Antitrust ha aperto una indagine per verificare i comportamenti di Sky e Dazn sulla trasmissione delle partite di calcio. 

Le condotte contestate sono molteplici. Innanzitutto ci sarebbe l'accusa di pubblicità aggressiva per Sky, che avrebbe fatto credere ai propri clienti di avere lo stesso servizio degli anni precedenti (mentre invece mancavano tre partite per ogni giornata di serie A) e non li avrebbe informati del loro diritto di recesso senza perdere nè sconti nè altri benefici. Inoltre ci sarebbe la pubblicità ingannevole, dato che Sky non ha mai reso noto quali sono gli orari in cui avvengono le partite che verranno trasmesse e quali no. 

Per il gruppo inglese Perform, proprietario di Dazn, c'è l'accusa di pubblicità ingannevole a partire dallo slogan "dove vuoi, quando vuoi", tacendo invece del fatto che ci sono pesanti limitazioni tecniche per poter vedere le partite tramite Internet. Inoltre, la campagna pubblicitaria sul primo mese gratis è ingannevole, in quanto prevede già l'addebito automatico del canone a partire dal secondo mese. deve essere l'utente ad ottenere la disdetta in tempo; ma anche questo non viene esplicitato. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©